<$BlogRSDUrl$>

September 30, 2004

Problems of Electricity Storage 

The storage of electrical energy is an important problem, more or less as old as the use of electricity itself.

I think it is important to make a distinction, to begin with.

Energy is defined as the capacity of performing work (like moving objects around). Its unit is Joule (J), defined as the energy required to move a mass of 1 kg for 1 m against a force of 1 N.

Power is the amount of energy produced in a certain time. Its unit is Watt (W), defined as 1 Joule per second (1 W = 1 J/1 s). 1 kWh, the unit most often seen in electricity applications, is actually a measure of energy (equal to 3.6 MJ).

Thus, if we have a source full with say, 10 MJ of energy, it will power a 100 W lamp for a little more than one day, or a 2000 W electric heater for an hour and half (all this without taking into consideration losses, physical limits and the fact that often power sources cannot exceed a certain power level without damage).

Our world depends on electricity. Internet, maybe the most revolutionary communication and data excange medium, depends heavily on electricity, and the same is true for domestic appliances and a long list of devices. But having some electricity is not sufficient; we need quality and reliable power. Quality means that the electricity available at our sockets must meet quite tight specifications of voltage and frequency, otherwise the appliances will not work properly, and may even be damaged. Reliable means that power must be available 24/7, go off only rarely - only in case of exceptional bad weather or other very serious events. Think of companies, of network and web servers that must remain online as much as possible. Or factories, with long and complex production lines, or medical machines in hospitals, and telephone lines and nodes. All these applications need backup power, to overcome eventual grid failures. A loss of power can cause loss of data, loss of communications, loss of products or loss of life. A tomato processing factory where I worked, had big diesel generators ready to start automatically in case on power loss from the grid - and tomato processing does not pose particular hazards.

Posted by Hello Fig. 1 - Energy storage options (From ESA website)

Storage systems come in our help, as they make it possible to store electricity to be used when the need arises. This is the field "Power Quality&UPS", designed to erogate up to 100 MW (that's a goddamn huge UPS!) for times of a few minutes. If the power and discharge times are higher, it's the field of "Bridging Power" - basically, while we wait for the grid to be restored, or our backup generator to come online (up to now, an internal combustion generator is still the very best way to assure electricity availability...).
It's quite evident from the chart that there are many technologies available for powers up to 1 MW and discharge times of hours - thus, our needs of UPS and bridging power in that range can be fully satisfied. Batteries can still save the day for powers up to 100 MW (you'll need a whole warehouse full of batteries, for that). But what if we want to store the electricity produced by solar cells during the day and use it at night? This is the field of energy management. Batteries have a small role in it, and the only serious offers are pumped hydro - pumping water in a basin uphill, and later use this water to drive turbines, and Compressed Air Energy Storage (CAES), that uses high-pressure air stored underground to drive a gas turbine, with a great economy of fuel - because an atmospheric pressure turbine uses much of the fuel to compress air in the first stages.

Fig.2-Time-power ratings for various applications
Figure 2 is a summary of the power and time requirements for various applications. PQ&R takes a considerable area, but Renewable Energy Management spans almost the whole space... however, it is centered on megawatts for minutes. I somewhat disagree with this choice, but I trust the experts who made it. Other important applications of energy storage are in the stabilization of electricity transmission systems: great and sudden variations of load on the system can cause cascading failure leading to a wide-area black out. A storage system can be kept empty to "absorb" eventual excess energy, and another can be kept loaded in order to replenish an energy deficit.
All this is nice and good, but what about the practical implementation of these systems?
As usual, reality if often sadder than theory. Other factors besides the technological possibilities must be considered, like capital cost, efficiency, size and weight, life cycle etc. All considered, it emerges that some storage systems are suitable for certain applications, and other systems for other applications. This is not surprising, but I noticed that some people not acquainted with engineering struggle to grasp even this simple concept.

Fig.3 - Technology comparison - Legend
There are two things to notice: one, apart from pumped hydro, and maybe CAES, there is no mention of methods to store electricity for long periods of time, days or more. One might load a battery and use it days later, but spontaneous discharge will consume part of the stored energy, and I suspect that parasite chemical reactions would compromise the efficiency of the various types of flow batteries - if not damage the battery itself.
Two, the environmental problems (scary music in the background). You know, there is nothing that can really satisfy the grassroots enviro-ignoramentalists. Batteries contain nasty (relatively) chemicals, and take a lot of space (low energy density, as kJ per m3 of battery*); pumped hydro needs something horrible like a dam, or a big hole. CAES... are you really so crazy to put high-pressure air underground?? That will blow up our children and our trees!
And so on and on, ad infinitum.
However, some of the environmental concerns are real: the disposal of old batteries and/or the chemicals they use is not a trivial task, and it must be examined properly. I think the best solution would be to implement a closed-loop system, where the battery factory will also take care of the disposal of old batteries, and possibly recycle as much as possible of them. Of course is not proponible to discard the spent electrolite solutions from flow batteries as toxic waste.
* Initially I wrote "kW/m3, but then I realized I feel in the old energy-power trap: energy is expressed in Joules.


Comments (0)

September 29, 2004

The Liberation 

Again, important events on the international scene come across when I'd like to write about technology.

However, this is important indeed: the two Italian women, Simona Torretta and Simona Pari, who were kidnapped in Iraq three weeks ago, have been freed!

The two women were questioned by italian judiciary, and they told that they have been treated well (for someone who was kidnapped and helt against their will, I add), but were blindfolded almost all of the time and thus could not see their captors.

Things seemed to take a very bad turn on 23 September, when communicates on the Internet reported the killing of the two hostages. Someone went into wild spin about how they were brutally beheaded after multiple gang-rape, but as we see that was just speculation.

What did Italy do to accomplish this? Almost surely, a ransom was paid.
One million dollars, half before the liberation (but only when the captors produced proof that the two women were alive and well), and the other half when the "Simonas" were finally released. It is not clear who paid the ransom - maybe Secret Service agents, but one of the mediators was Maurizio Scelli, Commissar of the Italian Red Cross, who also acted with (and basically for) the Italian secret services and government. According to Il Foglio, the four hostages - also two Iraqis were kidnapped along with the Italians - were realeased to Sismi (Italian Military Intelligence agency) operatives and then they turned them to Scelli.

There is a curious detail about the release: an al-Jazira operator was already there, ready to film the episode to quickly broadcast the video on his network. The Red Cross also agreed to transfer to Italy 15 people who could not have the proper medical treatment in Iraq. However, Scelli refused to talk about the eventual ransom with the journalists, and the judiciary decided to secret the transcripts of his interrogation.

The kidnappers apparently were a baathist, nationalist group, and not religious fanatics. Initially, they requests were the usual ones: withdrawal of the Italian force from Iraq, and the liberation of all the "female prisoners". This last requests sounds quite absurd, because those prisoners are in American custody, and moreover there are only two women prisoners, two high-profile scientists who worked in Hussein's WMD programs. The Italian government's envoy basically told them to forget about it: Italy was not going to accept any political demand - no retreat of the troops, no pressure on the USA. The kidnappers then resurfaced three days later, dropped the political requests and asked for only five million dollars. Italy lowered the offer, and finally it was settled for one million.

Why this gang decided for a tradeoff, instead of making another beheading snuff movie?
The first reason is that that group was not an Islamist (not the savage murderers of al-Zarqawi) one, but baathists looking for self-financing above all - and this can mean that the baathist opposition is slipping into common banditism.
Also, Italy did not split up politically: majority and opposition worked more or less together, and even many of the Left started to despise the kidnappers, there were no violent manifestations. The jihadis grossly missed their political objectives.

Then we have that Italian sercret service has deeply infiltrated Iraq, and has strong ties with Kuwaiti, Jordanian and Quatari secret services. All this put pressure on the kidnappers. Finally, this particular kidnapping was "condemned" by a large number of islamic organizations both in Iraq and abroad, and thus the gang saw itself in an uncomfortable situation, and settled for the bottom line. Make no mistake here, it's not that the islamists (and various ulema and such) are getting good. They did it out of sheer utilitarian considerations: hurting lefty humanitarian volunteers is not good propaganda.
While they can't care less about Americans, Jews and even Nepalese. In these cases, no-one stood up to even temperate the homicidal frenzy of their savage captors. The Ulema are part of the enemy, even if they can mask it sometimes.

Apparently, at one point the it was considered to storm the kidnapper's house, but this plan died soon. The Italian left asked for a "peaceful solution". Stuff that: we don't owe any peace to criminals. More realistically, it was concluded that the intelligence was not detailed enough to safely carry out the operation. If I were in a power position, I think I would have pushed for a raid instead, but I'm just speculating.

So, what's the final score of this ordeal? Does it mean that Italy caved in like Spain and the Philippines did? I don't really think so: the Italian force is still in Iraq, and set to stay.
The kidnappers did not achieve a single political objective (except maybe medical care for some, but that's a small thing indeed), and ended up to open someone's eyes on the true nature if Iraqi insurgency and terrorism: not a fight for freedom, but the bloody deeds of thugs set to restore tiranny. It is true that a gang of jihadis now has one million dollars to finance its hostile activities, but the game is not over yet: I suppose we gathered a good deal of intelligence about them, and thus those men might end up killed or captured soon. Italy 3 - Jihadis 1.

While the French hostages are still in the hands of their captors. France accepted even the shameful, blood-soaked help of Hamas... to no avail. I think there is a lesson to be learnt here.

Update: New details to the story? This article from La Repubblica is basically almost a propaganda communicate for Sheikh Ali al-Dulemi and the "Iraqi Tribal Council", which is called "a shadow government" and expression of the "moderate wing of the Iraqi guerrilla", but also says that the kidnappers believed the two women were Secret Service agents (the usual arab conspirational mind at work), and it was decided to release them after interrogation demonstrated that they really were humanitarian operators. Oh so nice of them, right? No. The initial requests of the Council were to help some Fallujan children; an involvement of Italy in the rebuilding of Fallujah and Ramadi; pressure on the USA to halt bombing raids* in the Sunni triangle (a laugahble request, if there ever was one) and time on the Italian media for some members of the Council to denounce the "thousands of innocent victims" of the war, but absolutely no ransom. Then, the Kuwaiti newspaper al-Rai al-Aarn reported about the ransom and the negotiation seemed near to collapse, a few hours before the release. But everything turned out well.

This story conflicts with another story, by which an envoy of the Italian government contacted the guerrilla group (relatively secular sunnis in desperate need of financing) thorugh a high-ranking Ulema, and once the italian envoy turned down the kidnapper's political requests, they settled for money.

What really happened? Hard to tell. It is possible that the Secret Service tried two channels at the same time, to find the best one. Or maybe the Tribal Council channel was a red-herring to distract attention from the real negotiations. Or maybe another third party was involved. Or was it the gueerillas trying to get the best of both worlds? Perhaps we'll know, with time. Now, it is in the best interest of anyone that Secret Service operations remain secret.

* Hard to tell what this expression means, because often journalists use "bombing raids" to indicate any kind of military operations.

Comments (0)

September 25, 2004

Il Crollo del Castello di Carte 

Finalmente, il 20 Settembre, la CBS ha ammesso che "Ci sono grossi dubbi riguardo l'autenticitá del materiale [presentato da Dan Rather]".

Chiamalo eufemismo: quei documenti sono quasi certamente falsi.
La CBS ha anche riconsciuto che il servizio aveva troppe carenze per essere messo in onda (eppure l'hanno fatto comunque...).

Sempre in vena di eufemismi, funzionari della CBS hanno dichiarato che l'azienda é stata "ingannata" (misled) riguardo alla provenienza dei documenti. Ingannata da Bill Burkett, che ha convinto la produttrice di "60 Minuti", Mary Mapes, dell'autenticitá dei documenti.

Cosí la CBS cerca di farsi passare come vittima di macchinazioni altrui...
No, non funziona: una storia cosí importante deve essere verificata a fondo prima di andare in onda. Almeno questo é quello che farei io: i dati dei miei esperimenti devono passare attraverso una rigorosa verifica prima di essere considerati validi.

La CBS, e Dan Rather in particolare, hanno poi una lunga storia alle spalle di distorsioni e manipolazioni, se non vere e proprie bugie - e guarda caso tutte orientate a sinistra.

Tech Central Station ha parecchi articoli sullo scandalo Rather, e tutto punta nella stessa direzione: se non si é trattato di colossale incompetenza della CBS, si é trattato di deliberata disinformazione. Ed é stato merito della blogosfera se tale bugia é stata stroncata sul nascere.

Un fatto decisamente curioso, a margine di questa vicenda, é che Michael Moore, uno dei piú rabbiosi anti-americani in circolazione, ha anticipato (non voglio collegamenti al sito di Moore, qui!) sul suo blog la pubblicazione di "nuove informazioni, che dimostrano come Bush sia stato assegnato alla Guardia Nazionale per evitare di finire al fronte, ed abbia successivamente disertato", da parte della CBS e Boston Globe.

Se io fossi un complottista, avrei giá immaginato ogni sorta di cospirazione fra Moore, la CBS e John Kerry per influenzare il risultato delle elezioni...

Ma lasci volentieri ad altri questa incombenza.

Comments (0)

Knowledge Will Set You Free 

I restructured the list of my links, and I strongly encourage my readers to take a look at the websites in the section "War and Military". There you will find accurate news and analysis on the current conflicts, our forces, enemy forces, terrorist groups and networks and more.

That's the real knowledge. Not the never-ending blabber of journalists who have a pitifully superficial knowledge of these issues. Enjoy the reading.

Comments (0)

September 22, 2004

New Entries 

I just added two interesting sites to the sidebar: one is How Stuff Works, a very well-done encyclopedia of technology. It contains in-depth but yet simple and accessible descriptions of many objects and systems of common use - or not very common, like armored vehicles, but important nevertheless.

The other is Aerospaceweb, where one can satisfy his/her/its curiosity about planes, rockets, missiles, spacecrafts and stuff like that.

Comments (0)

More on CIA & Chile 

Last May I wrote a post about the events leading to Pinochet's coup in Chile.

Looking more around, I realized that maybe the article on Front Page Magazine I referred to depicted american intervention in a somewhat too benign light.

So, here there are some original documents on the same issue.

The blog No Pasaran!, however, has a collection of links and facts on this story.

The emerging picture is that Chile was by no means a heavenly place, where Allende was deeply loved by a large majority of the population.

In fact, many did not like him, and liked even less the far left. Even if CIA had a determinant role in overthrowing Allende, they exploited a pre-existing unstable situation.

Comments (0)

September 19, 2004

C'era una volta un memo 

Questa é una storia che sta facendo furore negli Stati Uniti in questi giorni, ma viene menzionata a malapena dai media europei. Ed é strano, perché questa storia riguarda da vicino le elezioni presidenziali e George Bush. E non posso credere che i giornalisti nostrani non abbiano sentito nemmeno l'eco di questi avvenimenti. Un caso di attenzione selettiva, forse?

Quindi, ecco la storia: La CBS ed il Documento Contraffatto

Era lo 8 Settembre 1943... no, 2004! Quando la rete statunitense CBS, nel suo programma 60 Minutes, condotto da Dan Rather, presentó un servizio sconvolgente. Era il 1973, in piena guerra del Vietnam. George Bush (attuale presidente degli Stati Uniti, e candidato per il secondo mandato), era un giovane sottotenente pilota nell'aviazione della Guardia Nazionale del Texas. Rather produsse dei documenti, un memorandum in particolare, secondo il quale Bush avrebbe ricevuto favori dall'alto (dal Generale di Brigata* Walter Staudt) per evitare una visita medica in modo da potersi dedicare alla politica, e ricevere una valutazione migliore del meritato.
Il documento portava la firma del Colonnello Jerry Killian, che morí nel 1984; proveniva dal suo archivio personale, attraverso fonti non specificate, ed era stato esaminato da esperti anonimi.

La storia venne quindi ripresa dal Boston Globe il 9 Settembre, e successivamente anche dal New York Times.

Presto - esattamente alle 20:11 (Ora del Pacifico) del 9 Settembre - la storia venne pubblicata pure su Free Republic, un forum di discussione di orientamente conservatore.
Alle 20:59, un lettore dal nome "Buckhead", pubblicó il commento che l'ha reso famoso (anche se questo persona rimane tuttora anonima). Secondo la sua esperienza personale, il documento presentato dalla CBS era scritto con un tipo di carattere, spaziatura e disposizione del testo che non erano disponibili nel 1973.

La notizia raggiunse Little Green Fotballs (via Power Line) alle 8:32 (Ora del Pacifico), pure Charles Johnson si dichiaró subito scettico a proposito dell'ormai famigerato (e dubbio) memorandum del 18 Agosto 1973 (un Sabato, tra l'altro).

Poco piú tardi, lo stesso Johnson fece un semplice esperimento: scrivere una copia di quel documento utilizzando Microsoft Word, con le impostazioni di default nel 2004.
Risultato: la versione pubblicata dall CBS e quella di Johnson sono perfettamente sovrapponibili.

Questa scoperta mise in moto una sorta di valanga: altri bloggers, ed i loro commentatori, iniziarono ad esaminare accuratamente questi documenti, e trovarono altre incogruenze.
Come formato, contenuti e stile decisamente insoliti per un documento militare.

Il figlio dello stesso Killian, ed altre persone che lo conoscevano bene, dichiararono il 10 Settembre, che era pressoché impossibile che Killian avesse scritto quel memo.

Johnson fece altri esperimenti, con altri caratteri e diversi word processor, e riscontró che il risultato era nettamente diverso dal quello pubblicato dalla CBS.

Alcuni bloggers a sinistra sostenevano che una macchina da scrivere IBM Selectric Composer sarebbe stata in grado di produrre tale documento. Ma giá il 12 Settembre, l'esperto (un vero esperto, uno dei pionieri del ramo) di tipografia computerizzata Joseph Newcomer pubblicó una completa ed aprrofondita analisi del famoso memo, che contiente diverse affermazioni di importanza fondamentale.

1-"Non sono un sostenitore di George Bush. Ma sono ancora meno un sostenitore dei tentativi di commettere frodi, specialmente quando accadono attraverso il totale fallimento di chi ci ha promesso di riportare notizie quantomeno accurate".

2-"La probabilitá che nel 1973 esistesse una tecnologia tale da produrre un documento perfettamente sovrapponibile ad uno di Microsoft Word, e che tale tecnologia fosse usata comunemente dalla Guardia Nazionale del Texas, é talmente piccola da essere indistinguibile da zero".

3-"La mia opinione da esperto é che tali documenti siano falsi moderni".**

Nonostante questa montagna di prove, la CBS non ha ancora spiegato perché tali documenti siano stati pubblicati senza una adeguata analisi e verifica delle fonti.
La loro versione resta che i documenti siano autentici, e questo significa che la CBS ha puntato tutta la sua credibilitá su questa storia. Ora che i bloggers hanno dimostrato che i documenti pubblicati sono probabilmente falsi, l'onere della prova torna alla CBS: sta a loro rivelare le fonti e la storia dei documenti.

Ma c'é dell'altro: la vicenda ha segnato l'emersione della "blogosfera", e della sua incredibile potenza di calcolo parallelo distribuito in contrapposizione ai media tradizionali. Persone comuni, con il loro bagaglio di conoscenze ed esperienze personali, ed una connessione ad Internet, lavorando insieme hanno impiegato meno di tre giorni per screditare documenti che potevano arrivare ad influenzare il risultato dell'elezione del Presidente degli Stati Uniti, l'evento politico piú importante per quel paese - ed anche per l'intero globo, soprattutto in questi tempi. Ed i risultati di questa indagine sono stati sparsi, ed hanno raggiunto molte persone - il traffico di LGF é aumentato in maniera esponenziale durante i primi giorni della vicenda.

La storia poi é rimbalzata indietro ai media tradizionali, che hanno dovuto riconoscere la situazione, ed hanno prodotto altre prove: un documento originale del 1973 é completamente diverso dagli esemplari della CBS. Insomma, la CBS sta prendendo un sacco di staffilate - anche se il ruolo dei bloggers viene sempre messo in secondo piano. Addirittura, sinistra americana si é auto-convinta che i blogs di orientamento conservatore siano pilotati dalla Casa Bianca, come parte della onnipresente Cospirazione di Destra. Prove? Nessuna, naturalmente.

I media tradizionali non l'hanno presa molto bene, ma probabilmente siamo all'alba di una nuova era, quella del "cittadino-giornalista". E saranno tempi duri per i media tradizionali, che col tempo si sono convinti di essere piú o meno dispensatori di veritá assoluta, distanti ed inattaccabili. E se non in malafede, molti giornalisti sono terribilmente incompetenti in riguardo ad ogni materia scientifica o tecnologica. L'ho constatato piú volte di persona.

I media ci forniscono le informazioni (o meglio, i dati) che usiamo per prendere decisioni in merito alla politica, alla societá, a tutta la nostra vita. Anche i politici ed militari a volte si basano sui dati forniti dai media. L'assunzione di base é che ogni fonte di informazioni e notizie introduce un certo grado di distorsione, ma i dati di base sono veritieri. Possiamo quandi scartare la (poca) analisi fatta dai giornalisti, ed analizzare i dati per conto nostro, o con l'aiuto di qualche blogger. Esempio: per chi conosce qualcosa di storia militare, é chiarissimo che la guerra in Iraq non ha nulla a che fare con quella del Vietnam.
Ma una volta che l'attendibilitá dei dati stessi forniti dai media tradizionali viene messa in dubbio - ad esempio con l'uso di documenti falsi, tutta la struttura crolla. La competizione con la blogosfera forzerá (speriamo) i media tradizionali a migliorare, oppure soccombere e cedere spazio a qualcosa di nuovo e piú adatto all'ambiente, in puro stile darwiniano.

Resta il fatto, perché la CBS ha trasmesso un servizio cosí approssimativo? Sete di scoop, probabilmente, e voglia di infangare Bush. Infatti, sembra che la fonte di questi documenti sia Bill Burkett, un noto personaggio dell'estrema sinistra (moonbat, come direbbe LGF), che ha anche motivi personali per non apprezzare Bush.

Una parte della sinistra americana, poi, ha tentato di porre la questione in termini diversi.

a) Non é una faccenda cosí grossa, in fondo.
Usare documenti falsi per dimostrare qualcosa é sempre grave. Specialmente se si tratta dell'elezione di un presidente in tempo di guerra.

b) Si, i documenti sono falsi, ma accurati. (Questo addirittura dal New York Times, rendetevi conto...)
A parte il fatto che ci sono molti motivi per credere che il giovane George Bush abbia svolto ottimamente il proprio servizio militare; io credo che tentare di dimostrare qualcosa con prove false sia una terribile disonestá intellettuale.

c) Complotto! I Sionisti, i Rettili Alieni e gli Illuminati stanno tentando di dominare il mondo tramite George Bush, Ariel Sharon, la Halliburton ed ora pure i blogs! Aiuto!

Pressoché tutti i blogs nei miei collegamenti (a parte DenBeste, che é ancora in immersione) hanno trattato estesamente l'argomento. Quindi, buona lettura. E speriamo di vedere qualche eco di questa storia anche nei media italiani/europei...


* Il termine inglese é Brigadier General.

** Questa é la mia traduzione veloce; leggete il documento in lingua originale, anche.

Comments (0)

September 15, 2004

No more speculation 

Now it's official, the two planes exploded in mid-air over Russia on Agust 24th were downed using explosive devices.

The governative investigative commission [...] confirmed today the terrorist origin of the crashes. The minister of transport, Igor Levitin, disclosed today the first findings of the commission. During the last weeks, other russian authorities and the security services (FSB), already declared that the explosions were caused by sucide terrorists.
(Translation and adaptation mine, from LaRepubblica.it).

Add also these deaths to the Islamist body count.

Comments (0)

September 13, 2004

Fuels, no cells 

Just today I spoke with my colleague: he's a researcher, and spent several years studying fuel cells. Not just in the college, but also with a company - thus with an eye to the realities of the market.

He said that an automotive use of fuel cells is "not practical".

Because fuel cells are still very expensive (would you like a city car to cost as much as a Ferrari?), and have a short life, much shorter than an internal combustion engine.
That is a big problem, and it's not going to be solved anytime soon. It will take at least another ten years before fuel cells have any significant diffusion, and still I think those cars will be leased, being very expensive and needing intensive maintenance.

Maybe eventually fuel cells will become valid substitutes for traditional engines, but not in a few years, forget about it. It's not a matter of neglected research; it's a really non-trivial (very difficult) problem for purely physical and chemical reasons.

The scenario is a bit better for the use of fuel cells on buses and trains, where factors like dimensions and weight constraints are less important, and maintenance follows a precise schedule anyway.

Fuel cells are not a magic wand. Nothing is.

Update. There is one more problem with fuel cells: they cannot be started quickly. An internal combustion engine strarts in a few seconds, while a fuel cell takes much longer.

Comments (0)

Rabbia e Disgusto 

Certe cose mi fanno proprio uscire dai gangheri... quando leggo certe notizie, mi trattengo a malapena dallo scaricare la mia rabbia sul mio innocente computer.

In casi come questo, ad esempio:

STRASBURGO - La Francia pone il veto alla visita del presidente iracheno Ghazi Al Yawar al Parlamento europeo di Strasburgo, mercoledì prossimo. La presenza del capo di Stato iracheno è stata infatti considerata "inopportuna" dal governo di Parigi e la visita è stata annullata. [...] Proprio oggi il ministro degli Interni francese Dominique de Villepin ha affermato in un'intervista radiofonica che i giornalisti Christian Chesnot e Heorges Malbrunot "sono vivi" ma "il contesto è estremamente difficile perché a Bagdad i combattimenti si intensificano". Una volta di più, dunque, il ministro, tra i più convinti sostenitori del "no" quando si intraprese la guerra in Iraq, ha manifestato riserve sul modo in cui il governo provvisorio opera in Iraq.

Ovvero, sono i combattimenti contro guerriglieri, terroristi e banditi in Iraq che tengono quei due giornalisti prigionieri. Non i loro rapitori, non sia mai che si accusi un soggetto diverso dagli USA per tutti i mali del mondo!
I francesi non vogliono perdere il futile appoggio dei loro amici terroristi, e per questo sono disposti a vedere distrutto quello che di buono é stato fatto in Iraq di recente.

C'é una vecchia regola militare: non dare tregua al nemico. Ogni pausa, ogni allentamento della pressione gli consente di riposare e riorganizzarsi. Il governo iracheno deve combattere la guerriglia senza sosta (con l'aiuto della Coalizione); la posta in gioco é il futuro del paese.

Mi sembra chiaro che alla Francia non é mai importato un vero cazzo del popolo irakeno.
A loro andava bene commerciare petrolio ed armi con Saddam Hussein, questo é quanto.


Altra notizia, questa invece mi ha lasciato con una malefico risolino: Morte di un reporter in diretta televisiva.

Non commenteró l'indecente editoriale di Zucconi, che nel corso del tempo ha dimostrato un'ignoranza pressoché abissale nel ramo militare. Potrei decadere nelle offese personali. Leggete la versione dei fatti del CENTCOM e riflettete. Solo una nota tecnica: l'idea che i due giornalisti siano stati colpiti intenzionalmente é piuttosto ridicola. L'arma piú leggera a disposizione degli elicotteri d'attacco é la mitragliatrice a 6 canne GAU-2 (avete presente Predator?), che non é esattamente delicata con i corpi; tutto il resto é almeno 30mm. Se i due giornalisti fossero stati bersagliati intenzionalmente, i loro cadaveri sarebbero ridotti molto male. Ho visto un filmato (fortunatamente all'infrarosso) degli effetti di una 30mm contro alcuni guerriglieri: sono stati fatti a pezzi. Letteralmente.

Bene, reporter di guerra, volete essere sempre al centro dell'azione? Volete stare giusto un palmo fuori dalla portata dei proiettili? Eccovi l'azione, eccovi i proiettili. Solo ricordate, i vostri giubbottini con la scritta "PRESS" non bastano a difendervi dalle scheggie o dalle pallottole. Quindi se decidete di correre dei rischi, non lamentatevi quando le cose vanno male.

Ed ecco l'ultima perla, quella che mi ha veramente fatto incazzare come una biscia.
I brigatisti non si pentono:

ROMA - Pugni chiusi e uno slogan, "onore a Mario Galesi". Così la brigatista Nadia Desdemona Lioce ha concluso la lettura di un documento, nel corso dell'udienza per la richiesta di rinvio a giudizio per l'omicidio di Massimo D'Antona. Contenuti in linea con quelli "storici", soprattutto nell'utilizzo di alcuni vocaboli specifici del linguaggio delle Brigate Rosse, e una rivendicazione del ruolo del gruppo armato, con un riferimento preciso all'operato di Massimo D'Antona nel governo D'Alema. Al termine della lettura del documento, Lioce ha dichiarato: "Onore a Mario Galesi", il presunto brigatista morto il 2 marzo del 2003 nella sparatoria sul treno Roma-Firenze, in cui perse la vita anche il sovrintendente di polizia Emanuele Petri. E gli altri imputati hanno risposto sollevando il pugno chiuso.

Intanto "presunto brigatista"?? Ma state scherzando o siete stupidi davvero? E' stato salutato come "compagno" da una brigatista (lo dice lei stessa), e voi lo chiamate "presunto"?

Comunque, quando ho letto questa storia mi é sorta questa fantasia: prendere il calibro 12 di mio padre, caricarlo con cartucce da caccia al cinghiale e sparare dritto in fronte a tutti quei bastardi. Metodicamente, ricaricando con calma ogni due colpi.

E' chiaro che questi terroristi non si pentiranno mai, e per tutto il resto della loro vita continueranno a tentare la loro anacronistica rivoluzione comunista, completamente incuranti dello scorrere del tempo e delle diverse aspirazioni del popolo. Perché tenerli vivi in galera, a spese degli altri cittadini, ed ancora in grado di spandere la loro nociva propaganda e contaminare altre menti? Non sarebbe meglio farla finita rapidamente?

Comments (1)

September 11, 2004

La scoperta di Bertinotti 

Bertinotti, il segretario di Rifondazione Comunista, ha fatto una straordinaria scoperta: il terrorismo potrebbe non essere soltanto una reazione all'imperialismo occidentale. Ed ha scoperto pure che il terrorismo é una forma di guerra, una dottrina militare!

Dice Bertinotti che “due questioni vengono in luce”. Una è quella posta da Ingrao (la lotta per la pace non ha avvenire se non si unisce a quella contro il terrorismo). L’altra la riassume così: “Una discussione del terrorismo e dei terrorismi. Nel senso che mi pare avviata nel movimento un dibattito tra chi pensa che il terrorismo sia deterministicamente prodotto da guerra, ingiustizie, povertà. E chi pensa che queste siano concause – ne favoriscono radicamento e crescita, costituiscono una ragione in più contro la guerra – e tuttavia rifiuta la tesi deterministica e pensa che il terrorismo si produca per una soggettività organizzata nella sfera politica”. Spiega ancora Bertinotti: “I terrorismi hanno un progetto: la guerra può determinare la sua crescita, ma il rifiuto del terrorismo non si esaurisce nel rifiuto della guerra. Il terrorismo va indagato come fenomeno specifico, per quanto orribile, della politica. Da qui l’avversione, non solo ai suoi mezzi e all’orrore che semina, ma anche nei confronti dei sui fini e degli obiettivi politici che si pone”. E’ una guerra, il terrorismo? “La discussione terminologica è difficile. In un certo senso lo è, in un altro senso non lo è. Possiamo dire che è una forma di guerra particolare”.

Davvero, "una forma di guerra particolare"? Non mi sarebbe mai venuto in mente! Nessuno ci ha mai pensato prima d'ora.

Il terrorismo é la forma di guerra di chi ha risorse minime e poco o niente territorio sotto il suo controllo. In genere, é la scelta delle popolazioni di paesi occupati ed oppressi - o almeno, di chi si sente cosí. Per mettere in piedi gruppi terroristici bastano pochi mitra e qualche chilo di esplosivo, e gente disposta a rischiare la vita per la "causa". Il terrorismo mira a causare terrore, ma anche soltanto interruzioni e caos nel normale funzionamento della societá del paese occupante. Ció causa malcontento e calo del morale nella popolazione.
Quindi, queste tattiche possono avere un effetto diretto: "Dateci quello che vogliamo, e la smetteremo di rendere la vostra vita difficile", é un tipica richiesta dei terroristi.
In questo il terrorismo si discosta poco dalla guerriglia o dalla guerra "normale" - se non per il fatto che i terroristi mirano direttamente ai non combattenti, spesso.

Ma c'é un secondo piano di azione: l'obbiettivo dei terroristi é quello di causare brutali reazioni alla cieca da parte delle forze nemiche - come assassini di massa, torture eccetera.
Per farla breve, questo é rivolto a far apparire i terroristi come i bravi, che usano violenza perché costretti. Mentre il nemico figura come il cattivo, che uccide indiscriminatamente, distrugge e torture persone innocenti.

La propaganda palestinese é un perfetto esempio di questo: gli israeliani vengono sempre dipinti come malvagi invasori, che uccidono vecchi donne e bambini e violano risoluzioni ONU tentando di sterminare il pacifico popolo palestinese.

Non tutti i gruppi terroristi lavorano allo stesso modo, e spesso un gruppo puó trovarsi a mezza strada fra terrorismo e guerriglia, e talvolta pure attivismo politico.
I combattenti islamici, a mio parere, hanno aggiunto qualcosa di nuovo alla ricetta: il culto del martirio, ed il gusto per la crudeltá fine a sé stessa (gli ostaggi di Beslan sono stati denudati, tenuti senza cibo né acqua, e diversi pure stuprati. Che motivo c'era di farlo?).

"Terrorista" é diventato una sorta di epiteto per i super-cattivi, ma mentre spesso il terrorismo é stato usato per raggiungere obbiettivi disprezzabili, ci sono casi in cui il terrorismo ha assitito una buona causa: mi vengono in mente la resistenza ai nazisti in Europa e la lotta di liberazione dell'Irlanda.

Molte persone provano ripulsione all'idea che colpire deliberatamente i "civili" sia un comportamento legittimo. Tuttavia, nelle moderne societá industriali, i civili contribuscono (piú o meno direttamente) alla forza economica e militare di uno stato.
Quindi anche i non combattenti possono divenire un bersaglio legittimo. Questo non significa che lo debbano essere per forza, comunque.

Quando i terroristi islamici uccidono civili, quindi, riescono soltanto ad aggiungere disprezzo alla rabbia. Io li voglio sconfiggere perché la loro intenzione é quella di distruggere la mia societá, libera ed aperta seppure imperfetta, per sostituirla con una teocrazia oscurantista. Se poi gli islamisti usano terrorismo, o guerriglia, o guerra aperta, non cambia molto le cose.

Come si puó reagire al terrorismo? E' molto difficle farlo in modo efficace.
Pesanti rappresaglie non sono molto utili - anzi fanno il gioco dei terroristi.
Una soluzione radicale é quella di sterminare la popolazione dalla quale i terroristi provengono. Ma questo é male.

Tuttavia, il terrorismo islamico differisce da quello classico nel senso che gli islamisti lo stanno usando come strategia offensiva. Mentre guerriglia e terrorismo sono nate come dottrine difensive. Nel caso classico, concedere quello che i terroristi, oppure la popolazione dalla quale provengono vuole, significa perdere. A volte peró concessioni limitate sono sufficienti ad accontentare la popolazione, per cui i movimenti terroristici tendono a diventare sempre piú isolati ed irrilevanti, come nal caso dei Paesi Baschi (questo accade quando entrambe le parti sono disposte a negoziare).

Nel caso della guerra all'islam radicale, non c'é possibilitá di negoziare. Ma c'é un'altra via, ovvero portare democrazia, libertá e prosperitá ai paesi arabi ed islamici.
La vera causa della guerra risiede nel totale fallimento della cultura arabo-islamica. Noi infedeli abbiamo avuto un successo strepitoso, siamo ricchi e grassi e potenti, e la nostra cultura peccaminosa domina. Mentre i devoti mussulmani, che secondo i loro testi sacri dovrebbero dominare tutto il mondo perché Allah questo vuole, sono ancora ridotti a tirare a campare nei loro deserti, poveri e deboli. Gli arabi percepiscono questa situazione, ma troppo volte i loro leaders e capi religiosi li hanno convinti che la responsabilitá sia degli infedeli, e piú di tutti degli ebrei. Invece, troppo Islam é la causa di questo fallimento, ed il rimedio é piú libertá

Comments (0)

The Dividing Day 

Today is the 11 September 2004. Three years ago, we witnessed the boldest and most destructive terrorist attack up to date. I think that, of the 6 billions of people in the world, at least 3 have seen, time and again the films and photos of that atrocity.

And it opened a rift. Something changed: the day before, the islamic terrorists loomed in the distance, but they did not seem really dangerous. Almost like a fairytale bogeyman, they were known to be violent and vicious, but no one thought they were really coming to get us.
Although they had already done thousands of victimis and caused great distruction around the world.

But they come, knowingly live on the TV of all of the world.

For people who can and want to understand, the world changed. On the grey dawn on 12 September, it was clear that the islamists presented a clear and immediate danger, and we had to fight back.

Some other people, instead, wanted to go back to the day before. They believe that it's just an issue of law enforcement, that the "tiny minority of extremists" can be stopped just with some policing actions, with half-assed responses, without hurting "sensibilities" and being "multilateral" (even if today, on BBC, a terrorism expert of the St. Andrews university, Scotland, said that the actual Coalition of the Willing is the largest coalition in history...).

So 9/11 marked the atrocious "coming out" of the islamic terror, and opened a divide. A divide between who understand that it was the opening act of a war against the West and our way of life. And now, like it or not, we have to fight if we want to preserve our beloved freedom.

The other side thinks that we don't really need to fight, and even that fighting is inherently bad, not matter the reason why. Or that the West does not deserve to be saved.

I know my side... what's yours?

Comments (0)

September 10, 2004

Joys and pains 

There is something wrong with my blog. I can't tell if it's a local problem (but from two different machines, on different networks and with different browsers?) or a problem with Blogger itself. Time will tell.

For the time being, do not expect elaborate posts, because I don't want to waste hours of work for a system malfunction.

Comments (0)

September 09, 2004

Gioie e dolori di Blogger 

Il bello di Blogger, il servizio che sto usando per pubblicare il mio materiale, è che è gratuito (primo fattore), semplice da usare e piuttosto ben fatto.

Ma ci sono i lati negativi: il più grave è che a volte Blogger cessa di funzionare correttamente, e si "mangia" articoli pronti alla pubblicazione, che magati sono costati lunghi sforzi.

Questo è uno dei motivi per cui di recente non ho prodotto molto: se nel primo pomeriggio spendo un'ora a comporre un post che poi sparisce nel nulla, dopo non ho più voglia di ritentare.

Comments (0)

September 08, 2004

Test 

This is a test
12/11/04: Test image removed (It was nothing interesting, no babes!)

Yes, Blogger is working fine again.


Comments (0)

Il risveglio dell'Orso? 

Attaccando gli Stati Uniti, gli estremisti islamici si sono fatti un nemico molto pericoloso. I Talebani sono stati spazzati via, ed Al-Quaida fortemente ridimensionata. La guerriglia in Iraq invece si é rivelata alquanto tenace (ma non so dire se piú del previsto, non avendo accesso a fonti dell'intelligence). Tuttavia, gli americani hanno fatto una guerra piuttosto soffice e politicamente corretta, che anche se efficace fatica nel trasmettere il messaggio del caso: "Lasciateci in pace. altrimenti vi faremo un culo come una casa".

Con l'ultima atrocitá di Beslan, invece, i terroristi potrebbero aver risvegliato l'orso russo:

Mosca, 11:46
Terrorismo, Russia pronta a colpire basi nel mondo Mosca "è pronta a portare colpi preventivi contro le basi terroriste in qualsiasi regione del mondo". Lo ha dichiarato il capo di stato maggiore russo Iuri Balujevsky all'agenzia Interfax. "Ciò non significa che useremo armi nucleari", ha aggiunto Balujevsky - i mezzi da usare verranno determinati in base alle concrete situazioni".
(Repubblica On Line)

Questo potrebbe significare che i terroristi hanno attirato su di loro una tempesta di fuco di dimensioni fuori dalla loro comprensione. Niente bombardamenti di precisione, ma interi villaggi e cittadine rase al suolo. In confronto alle prigioni russe (ci sono ancora parecchi gulag che potrebbero essere ristrutturati rapidamente, credo), Camp X-ray é un Club Med ed Abu Gurhaib una confraternita dedita a scherzi pesanti.

E' vero che queste tattiche non sono state molto efficaci in Cecenia, ma non é questo il punto. Gli estremisti islamici potrebbero trovarsi a venire ripagati con la loro stessa moneta, invece.

Comments (0)

September 04, 2004

Crash the jihadi party! 

The murderous bastards, as the Al-Muhajiroun section, have planned a to celebrate the 9/11 attacks in London!

MEMRI Special Dispatch:

Al-Muhajiroun leader Omar Bakri, a Syrian residing in London, told the paper by phone that the convention would feature Al-Qa'ida "surprises," with the screening of a never-before-shown video. He said that the convention will focus on "the anniversary of the division of the world into two great camps – the camp of faith and the camp of unbelief," and would take place September 11, 2004 from 11 a.m. to 9 p.m.

Attorney Anjam Choudry, secretary-general of Al-Muhajiroun in Britain, said, "A large hall has already been secured for the convention, but the announcement came only two days ago for fear that the British police would try to cancel it, as happened with the previous convention."

I invite all my londoner readers to search for the venue selected for this disgusting gathering of the scum of the earth (I wish I had the amazing insulting capabilities of Emperor Misha) and stage a protest against it. We must stand up against this feast of evil death-worshipping ghouls.

Comments (0)

September 02, 2004

Precision Munitions 

What happened to my intentions of writing of science technology? I feel more like the usual political pundit.

Thus, let's go back to business, and talk about precision weapons!

Precision munitions are also called "smart weapons" - in opposition to "dumb weapons". But I don't like that expression very much, because it is not very accurate, and in translation its meaning can become distorted.

Let's start with defining a conventional (or dumb) munition - or weapon. That is a weapon with no guidance system whatsoever. Bullets, bombs and rockets, once they left a gun's barrel, once dropped from a plane, or once the propellant is exhausted, will follow a ballistic trajectory until they will eventually impact something or the ground.
A ballistic trajectory is determined by the initial speed and direction of the moving body, by its aerodynamic characteristics and by the properties of the medium (usually air).
This means that factors like imperfections of the ammunition, wind and other phenomena will cause scattering of the shots.

Some non-guided munitions are however extremely precise: sniper rifles can put a shot within a radius of few centimeters at 1000 m, and artillery shells will land within a few meters from the aimed point at something like 30 - 35 km.

Other weapons, like aircraft bombs and ballistic rockets (like the infamous Russian series Frog) have much poorer performance. The Frogs will land in an area of a few square kilometers around the aim point. Modern unguided bombs can hit much nearer the target, but they need to be dropped from low altitude, exposing the aircraft to anti-aircraft fire.

During WWII, the Allied strategic bombers dropped from considerable altitude, attempting to avoid anti-aircraft fire (the dreaded FLAK). The bombs went easily astray, and in order to hit any target, the bombing raid was designed to saturate with bombs an area around the target(s). Sometimes, it was even impossible to locate a target (like a refinery) - remember, no satellites, primitive (by our standards) radios and radars, no ground observers, so the commanders decided to bomb the whole area where the target was. The hit ratio was awfully low; maybe 1:10, even less sometimes, but the allies had plenty of resources to throw in the fight.

However, this kind of air bombing is very expensive in materiél and men: thousands of planes were downed, tens of thousands of airmen died or were injured during the raids on Europe and Japan, and later in Korea and Vietnam - even if at that time early guided bombs were available. Carpet (or area) bombing also causes huge destruction and non-combatant losses on the ground - I don't need to remind you the horrible devastation of Europe and Japan after WWII. On the other hand, Baghdad seems almost untouched by the recent fighting.

On the other hand, artillery was already mature in the WWII era, and its performances have not increased much since then - except for the very recent development of rocket shells and guided projectiles.

Rockets were used extensively by more or less any party of the war, in surface-to-surface, air-to-surface, and even air-to-air roles. All of those (as far as I know) were unguided rockets, especially the infamous Russian Katyusha. The German V-1 (missile) and V-2 (rocket, and a big one too) were instead guided; the V-1 with a very rudimentary system to measure the length of flight; the V-2 had a more sophisticated inertial guidance system.

And, carpet bombing cannot be used to provide air support to ground troops (excessive risk of friendly fire), and it's scarcely effective against small-sized and/or hardened targets. Even more, aero-naval battles needed desperately precision bombing: an aircraft carrier cannot haul a whole bomber squadron and the bombs and fuel needed to carpet-bomb another naval group. Thus, towards the end of WWII, both Americans and Germans developed the first guided bombs.

The American model had control surfaces, a cable link to the bomber and a tracer cartridge at the tail: a crewmember in an apposite combat station equipped with control devices could spot the tracer light, and through the cable link manually guide the bomb to its target. These bombs were used against the Thailand-Burma Railway.
I don't know the details of the German guided bombs, but they were used to sink the Italian Navy's battleship Roma, towards the end of the war.

By 1956, the Sidewinder heath-seeking air-to-air missile was born, and military pilots had to start watching out for a new threat.

The first laser-guided bombs were used during the later stages of Vietnam war (I think so), but by no means extensively. The first significant use of guided munitions came later, with the Gulf War (the first one, if you like), where these new weapons proved highly effective. Also in that era the myth of almost-infallible bombs was born. In part because some military overplayed the performance of the new weapons; in part because ignorant journalists did not understand what were they about and were looking for a scoop, that myth was born, and now the anti-war guys are still sneering at the "smart bombs" everytime one goes off target.

The main advantage of guided bombs is that they can be dropped from higher altitude, or farther away from the aim point, and still impact on (or very near) the target. Thus, a target can be destroyed with a few (in the best case, one) bombs, with less risk for the aircraft and its crew, and less collateral damage on the ground.

The laser-guided bombs (LGB) have a sensor which can see laser energy reflected by the target, and feed data to the flight control system, homing towards the target. The illuminating laser beam comes either from the same aircraft which drops the bomb, from another aircraft or a designator team of ground soldiers. The whole subject is fairly complex, and a LGB can miss the target in case of human errors, if the designating aircraft must evade swiftly (as if fired upon), if the beam is scattered or reflected by smoke, dust or mist. In situations of low visibility, LGBs are less effective. Then, it may happen that pilots simply make a mistake in identifying the target. The bomb will work properly, but the target is the wrong one.

There are also TV (or IR) guided bombs, and these will find their way using a visible or infrared camera mounted on their nose. Those bombs are currently being upgraded with GPS guidance systems.

The latest advance is the GPS guided bomb. Actually, more than a new bomb it is a inertial/GPS guidance kit (JDAM) that can be bolted on a Mk-80 series free-fall bomb, giving it outstanding capabilities. The target coordinates are uploaded in the bomb's electronics, and after release the munition will receive GPS signals in order to calculate its position and maneuver towards the target. The GPS system is not affected by bad weather or smoke, and it is very difficult to jam. One of these devices can be dropped from 10 000 m, and still fall within a few meters of the target, on unsuspecting and helpless foes.
The GPS systems will be integrated with optical, radar and IR guidance systems in order to obtain even greater accuracy and flexibility for a variety of missions.
JDAMs have been used extensively in the recent Afghanistan and Iraq wars with excellent results. Precision munitions, in fact, are suitable for close air support, because the risk of friendly fire is minimized. With the help of highly trained ground soldiers, advanced sensors and communication devices, even small groups of hostiles, single safe houses and vehicles can thus be targeted, giving to the US military unprecedented capabilities against guerrillas.

Of the special bombs, the famous Bunker Buster is laser-guided, while more modern hard target penetrators will probably have GPS and laser guidance.
Anti-radar bombs simply follow the beam emitted by a radar transmitter.
The Daisy Cutter is unguided and parachute-stabilized. In contrast, the dropping aircraft must be accurately positioned.
Cluster bombs are currently unguided, but it's in the plans to fit also them with GPS units.

Missiles already use more or less the same guidance systems as bombs (air-to-air or surface-to-air missiles use peculiar guidance systems): laser, radar, IR, TV (a missile can recognize landscape features and compare them with a memorized image of the target and surroundings), inertial and nowadays GPS. Cruise and long-range missiles often use one guidance system for mid-course and another, more accurate, for the final approach.

Up to now I wroe about US weapon systems. Russia uses similar systems, but I don't know if they have access to military-grade GPS signals (the GPS satellites are US-owned).
Europe, China, Israel and other nations have developed their own weapon systems, but they basically are based on the same technologies. Most of Arab countries can only buy foreign-made weapons, often Russian or Chinese. However, the US is currently the undisputed leader of high-technology weapons.

Comments (0)

C'é speranza 

Via Informazione Corretta, ecco il Manifesto Contro il Terrorismo e per la Vita dei Giovani Mussulmani d'Italia. Ecco qualche estratto:

Siamo per l'assoluto rispetto delle leggi dello Stato e per la più sincera condivisione dei valori fondanti della Costituzione e della società italiana. Siamo convinti che un'Italia dall'identità forte, anche sul piano della religione, degli ideali e delle tradizioni, sia la migliore garanzia per tutti, autoctoni e immigrati, perché solo chi è forte e sicuro al proprio interno è in grado di aprirsi e di condividere positivamente le proprie scelte con gli altri. Alla luce di ciò siamo schierati dalla parte dello Stato italiano contro i terroristi e gli estremisti di matrice islamica, e non solo, che attentano alla sicurezza e alla stabilità della collettività, sia perpetrando trame eversive sia utilizzando taluni luoghi di culto per attività di indottrinamento e arruolamento di combattenti e aspiranti terroristi suicidi. Sosteniamo ogni iniziativa dello Stato volta ad assicurare che tutti i luoghi di preghiera siano delle case di vetro aperte e in simbiosi con l'insieme della società italiana, rispettose delle leggi e dei valori italiani, trasparenti sul piano della gestione e dei bilanci. Diciamo in modo esplicito che le moschee d'Italia non devono in alcun modo trasformarsi in un cavallo di Troia di ideologie integraliste e di strategie internazionali volte a imporre un potere islamico teocratico e autoritario.[...]

Noi musulmane e musulmani d'Italia ci sentiamo profondamente partecipi all'impegno internazionale volto a contrastare la guerra del terrore che ha avuto proprio nell'11 settembre 2001 il suo momento di maggior impatto umano, mediatico e politico. Aspiriamo a un mondo migliore dove tutti i popoli, compresi i musulmani, possano vivere nella libertà, nella giustizia e nel rispetto dei diritti fondamentali della persona. A tale fine auspichiamo l'avvento di una nuova etica nelle relazioni internazionali che favorisca l'emancipazione dei popoli dal sottosviluppo e dall'oscurantismo, nonché la formazione di governi autenticamente rappresentativi e democratici. Siamo consapevoli che la globalizzazione dello sviluppo, del diritto, della pace, della libertà e della democrazia costituisce la migliore garanzia affinché questi valori possano essere tutelati in ogni angolo della terra attraverso il dialogo e il reciproco rispetto.

Io trovo una certa somiglianza fra questi auspici di democratizzazione e liberazione e la dottrina Bush di liberazione...

Questo testo promette molto bene. Anche se con un linguaggio un po' fiorito, é nettamente, senza ambiguita, contro il radicalismo e la teocrazia - che generano a loro volta terrorismo.

Come faccio a sapere che non si tratta di un'operazione di facciata? Non ne posso essere sicuro, ma ci sono parecchi buoni segni. Nessun tentativo, nemmeno molto obliquo, di giustificare il terrorismo. Nessuna caduta nel vittimismo, né bordate di accuse allo "Occidente oppressore". Ancora piú significativo, nessun richiamo al conflitto Israelo-palestinese. Ho letto molti articoli di islamisti e radicali assortiti, anche quelli che si presentano come moderati, ed ho notato che raramente dimostrano tanto autocontrollo da non lasciarsi scappare invettive contro gli USA, Israele, la "crociata contro i fratelli mussulmani", oppure tentativi di giustificazione del terrorismo.

Se questi giovani, mussulmani italiani, manterrano la parola e si comporteranno come dichiarano nel loro manifesto, sará l'inizio della fine per l'Islam radicale.

Io sono ancora fiducioso, e credo che l'Islam abbia la capacitá di riformarsi (anche se con una certa pressione esterna, diciamo). Anche perché se si nega questa possibilitá, rimane solo l'opzione di una guerra totale fino all'annichilazione. E per me questa é asolutamente l'opzione finale, da considerare soltanto se la mia civiltá sará minacciata di distruzione in modo chiaro e diretto.

Comments (0)

This page is powered by Blogger. Isn't yours?