<$BlogRSDUrl$>

June 14, 2006

Una Canzone da Caserma 

Il Corriere, bontá sua, ci informa dell'ultima polemica mediatica dall'Iraq: il video di una canzone da caserma cantata da un militare americano (molto probabilmente), Hadji Girl.

Il Corriere sostiene che la canzone inneggia all'uccisione "gioiosa" di civili irakeni. Ma é proprio cosí? Intanto, mentre il termine hadji puó essere usato in modo dispregiativo, il vero dispregiativo per gli arabi é raghead (testa di straccio) - tant'é che Charles Johnson ha dotato LGF di un filtro automatico per eliminare raghead dai commenti.

Il video si puó vedere dall'articolo del Corriere stesso, ma é anche disponibile qui insieme allo MP3 della canzone. Il testo non é difficile da reperire, e lo riporto per intero in inglese:
Hadji Girl

I was out in the sands of Iraq
And we were under attack
And I, well, I didn’t know where to go.

And the first think I could see was
Everybody’s favorite Burger King
So I threw open the door and I hit the floor.

Then suddenly to my surprise
I looked up and I saw her eyes
And I knew it was love at first sight.

And she said…
Durka Durka Mohammed Jihad
Sherpa Sherpa Bak Allah
Hadji girl I can’t understand what you’re saying.

And she said…
Durka Durka Mohammed Jihad
Sherpa Sherpa Bak Allah
Hadji girl I love you anyway.

Then she said that she wanted me to see.
She wanted me to meet her family
But I, well, I couldn’t figure out how to say no.

Cause I don’t speak Arabic.

So, she took me down an old dirt trail.
And she pulled up to a side shanty
And she threw open the door and I hit the floor.

Cause her brother and her father shouted… (oppure shoot her)
Durka Durka Mohammed Jihad
Sherpa Sherpa Bak Allah
They pulled out their AKs so I could see

And they said…
Durka Durka Mohammed Jihad
Sherpa Sherpa Bak Allah
So I grabbed her little sister and pulled her in front of me.

As the bullets began to fly
The blood sprayed from between her eyes
And then I laughed maniacally

Then I hid behind the TV
And I locked and loaded my M-16
And I blew those little fuckers to eternity.

And I said…
Durka Durka Mohammed Jihad
Sherpa Sherpa Bak Allah
They should have known they were fucking with a Marine.
E la sua traduzione con commento, che punta riprodurre il significato senza curarsi di metrica e rima:
Ragazza Araba

Ero fuori nel deserto dell'Iraq
Ed eravamo sotto attacco
Ed io, bé, non sapevo dove andare

La prima cosa che vidi
fu il Burger King preferito di tutti (non credo si parli di un vero Burger King; probabilmente é gergo)
Quindi aprii la porta e mi buttai a terra

All'improvviso, sorpreso
guardai in alto e vidi i suoi occhi
e fu amore a prima vista

E lei disse:
Durka Durka Mohammed Jihad
Sherpa Sherpa Bak Allah (ritornello preso dal film Team America)
Ragazza araba, non capisco cosa dici

E lei disse:
Durka Durka Mohammed Jihad
Sherpa Sherpa Bak Allah
Ragazza araba, ti amo lo stesso

Quindi lei disse che voleva farmi vedere
voleva farmi incontrare la sua famiglia
ed io, bé, non sapevo come dire no

Perché non parlo arabo

Quindi, lei mi portó giú per un sentiero polveroso
fino ad una baracca a lato (shanty é una costruzione improvvisata/degradata)
lei aprí la porta, ed io mi buttai a terra

Perché suo padre e suo fratello urlarono (le spararono):
Durka Durka Mohammed Jihad
Sherpa Sherpa Bak Allah
tirarono fuori i loro AK (Kalashnikov) per farmeli vedere

E dissero:
Durka Durka Mohammed Jihad
Sherpa Sherpa Bak Allah
quindi tirai la sorella minore di fronte a me

E quindi i proiettili iniziarono a fischiare
il sangue schizzó dalla sua fronte
ed io risi come un pazzo (maniacally non ha niente a che fare con la gioia)

Poi mi nascosi dietro la TV
armai il mio M-16
e mandai i bastardelli all'inferno (non c'é un equivalente italiano per "blow someone to eternity")

Ed io dissi:
Durka Durka Mohammed Jihad
Sherpa Sherpa Bak Allah
Dovevano sapere che si stavano mettendo nei guai con un Marine
(o anche, dovevano sapere che stavano rompendo le palle ad un Marine)
Ora, la canzone é di sicuro politicamente scorretta, ma non mi sembra che in alcun punto inciti ad uccidere gratuitamente dei civili. La storia é quella di un soldato che in un momento di calma durante uno scontro a fuoco incontra una ragazza locale - che peró lo porta dritto in un'imboscata di jihadisti che non esitano a sparare pure a lei. Il marine quindi risponde al fuoco ed uccide i suoi assalitori.

Questa é una tipica canzone scritta da un militare (in zona d'operazioni, tra l'altro) per altri militari, tutti soggetti ad un tremendo stress ed esposti a situazioni simili a quella descritta. Ha il tono di una ballata satirica, e nonc'é da sorprendersi che in situazioni del genere le persone ricorrano allo humor nero, per resistere.

L'unico pezzo questionabile é quello riguardo la sorella minore: si puó pensare che venga usata come scudo dal soldato. Tuttavia, i testi delle canzoni sono notoriamente vaghi ed esposti ad interpretazione; é difficile dire cosa questo passaggio voglia davvero significare.
Resta il fatto che la traduzione fornita dal Corriere:
Ho afferrato la sua sorella più piccola e l'ho messa di fronte a me. Le
pallottole fischiavano e il sangue ha cominciato a uscire in mezzo ai suoi
occhi, mi sono messo a ridere come un maniaco. Poi l'ho uccisa.
E' falsa: ascoltando il brano si nota chiaramente che non ci sono altre parole fra "maniacally" e "then" della strofa successiva. Questo sembra piú un risultato di manipolazione, che un onesto errore. Gli spettatori dell'esibizione ridono particolarmente in corrispondenza di questo punto; io credo che si tratti di una reazione ad un'espressione particolarmente oltraggiosa - un po' come ridere per la famosa esibizione di Luttazzi con lo stronzo. Nessun Marine userebbe un civile come scudo, cosí come nessuno mangerebbe uno stronzo (coprofili esclusi, va bé).

Per fare un controesempio... vorreste prendere alla lettera tutti i testi di Elio e le Storie Tese - oppure la Rettore che cantava "Io mi taglio le vene", o Battisti con la sua "guidare come un pazzo a fari spenti nella notte/per vedere se poi e' tanto difficile morire"?

Un'altra polemica montata ad arte, ed il Corriere non sta rendendo un buon servizio con la sua pessima traduzione. La fonte di questa disinformazione potrebbe essere la BBC, ma io mi aspetterei che il Corriere abbia a disposizione qualcuno che sappia l'inglese abbastanza bene da tradurre la canzone indipendentemente, senza propagare errori di seconda mano.

Aggiornamento 17:30 GMT: Il marine che ha composto e cantato Hadji Girl sostiene che la canzone é stata ispirata da Team America ed é nata come scherzo umoristico senza essere destinata ad alcuno in particolare. Il caporale inoltre si scusa di avere eventualmente offeso i mussulmani. Se un marine cosí conciliante sia un bene o meno, lo lasceró decidere ai miei lettori individualmente; io penso che non essendo il nemico la totalitá dei mussulmani, le scuse non siano interamente fuori luogo.

Comments:


Stavo giusto per documentarmi su questa storia, ora non ne ho più bisogno. Ti linko.

PS: altra storia simile
http://wellington.ilcannocchiale.it/?id_blogdoc=1048261

 

Naturalmente stasera sui tg è diventata la canzone con cui si celebra lo stupro di una ragazza irachena e l'omicidio a sangue freddo di civili inermi. Media cialtroni.
 

Anonimo,

Non ne dubito. Ho scritto al Corriere per notificare l'errore, ma non fará molto.

Uno sforzo coordinato dei blog potrebbe portare un po' di bilanciamento.

 

Brutta canzone, pessimo giornalismo.
 

Ti ho linkato anche da me

http://midclass.wordpress.com/2006/06/15/hadji-girl-e-il-livello-dellinformazione-italiana/

complimenti, sono sempre più convinto che l'informazione passi da blog e blogger che fanno ricerche per il solo gusto di verità.

Ciao, midclass

 

Ciao Fabio,non ti avevo letto,ho postato anchio prima sull'argomento e,tramite diverse fonti (ma uguali nel contenuto) siamo arivati alle stesse conclusioni.
Ho scritto anchio al giornale e al corriere,ma non so se faranno rettifiche,e poi ormai la frittata è fatta e il soldato intanto è già stato costretto a scusarsi comunque e l'USMC ha preso le distanze a prescindere.
ti saluto.

 

ciao grazie per il post...
volevo chiederti il permesso di inserirlo nel mio blog
passineldeserto.blogosfere.it

grazie

 

dimenticavo la mia mail

paolo.padrini@radiopnr.it
passineldeserto.blogosfere.it

 

Certo, Paolo.

La riproduzione non a fini di lucro dei miei pezzi é libera; mi basta che siano linkati al blog.

Sono stato selezionato da LiberoBlog! Bene, ma anche temo che l'orda dei troll si scatenerá.

 

Fabio, tu e il tuo sito fate schifo. Guerrafondai di merda. Non c'è niente di male in quello che ha cantato il soldato? Il soldato è una vittima? Stava solo scherzando? Perché accusarlo? Spero che un giorno capiti la stessa cosa ad un tuo caro e che l'assassino poi faccia circolare un bel video in cui se la canta e se la suona, mentre qualche testa di cazzo come te si metterà a dissertare sulle traduzioni e sulle interpretazioni. Tra le altre cose, mio caro, visto che sono italo-americano, ti dico pure che i dubbi di natura traduttiva che tu hai usato sono fasulli e strumentali. Prendi per il culo qualcun altro...Ah, dimenticavo, tu vali più del Corriere della Sera? Certo, dimenticavo che scrivi per un blog del cazzo, uno squallidissimo blog del cazzo. Addio guerrafondaio. Sei solo un altro terrorista dell'informazione. Anche se non pubblicherai il mio post, ti faccio i miei complimenti per la grande opera di disinformazione che fai. Fuck you. Shit. Fascista di merda!
 

Come volevasi dimostrare...

Sapendo che non mi conforterai mai piú con la tua presenza, piangeró lacrime amare. Davvero.

Se poi tu decidessi di presentarti ancora alla porta, i tuoi commenti troveranno presto la via del dimenticatoio.

 

E visto che sono in vena, l'intelletto superiore di cui sopra scrive dalla Lombardia, IP 80.104.73.# (TELECOM ITALIA S.P.A.)
 

Vedo che hai cominciato anche tu a fare collezione di persone moralmente superiori.
 

Non è per caso che l"italo-americano mifateschifo" appartenga a quella nutrita shiera di sinistrorsi sedicenti intellettuali, che vivono negli states (schifandoli) grazie a qualche corporazione, e alle spalle del contribuente?
Ciò resterà ignoto, ma invece noto ed evidente è il fatto che sia sufficiente aprire un minimo di contraddittorio politically uncorrect sapendo argomentare, per far venire travasi di bile a quelli che leggono il corriere della sera (i nonni dei quali, peraltro, giravano quasi tutti in camicia nera); nonchè scatenare, essendo esclusiva l'aridità unitamente all'incapacità, immediate reazioni rabbiose plurioffensive.
Il fatto che blog come questo esistano mi rende sollevato, ed è segno tangibile che la cultura in italia oggi sia difficilmente omologabile.
Complimenti per l'articolo e per le precise ed oggettive analisi anche linguistiche.
Lacunosa invece è la conoscenza che l'italo-americano ha della consecutio temporum, mentre certe le attitudini del medesimo a rivestire cariche di segretario in qualche commissione parlamentare del governo pro tempore.

 

Guarda quando ho visto il tuo commento su libero blog ho subito pensato che potesse solo essere un blogger di tocque-ville la famosa città dei secondini che vi raccoglie tutti o quasi. Però, devo essere sincero, perchè ciò che è vero deve rimanere vero per tutti e non solo per i destrorsi o i sinistrorsi, attaccare il marine per questa canzone è da idioti. Il ragazzo è già vittima di una guerra sicuramente non decisa da lui e ora deve anche sorbirsi le accuse di noi occidentali che senza neanche tradurre per bene pretendiamo di interpretare la sua canzoncina come fonte di verità e di accuse nei confronti degli americani in Iraq.
Piuttosto che i giornali pensino ai capi delle forze armate, ai presidenti delle nazioni coinvolte e non a queste esternazioni da caserma in guerra. In definitiva, concordo con un blogger della città dei secondini, succede raramente ma è un punto in comune da non sottovalutare, anche perchè si tratta di una traduzione che non può e non deve essere manipolata.

 

"la famosa città dei secondini che vi raccoglie tutti o quasi".

Lo facciamo solo per i comunisti. Così quando arriverà il momento di rinchiuderci in un gulag sapranno come identificarci.
:-)

 

ti linko...ciao

Marco

 

Antieroe:
Collezione? La visualizzo come una fila di teste imbalsamate appese al muro sopra l'armadio dei fucili... ehehe.

Ops, ho detto qualcosa di troppo guerrafondaio?


Surf:
Non so, a me sembra di uno pronto ad usare le sue radici miste per troncare ogni discussione sugli USA con un "Io ne so piú di te". Nonché generalmente intollerante e probabilmente incline ad impedire l'espressione di pensieri sgraditi.


Simone:
Si, sono iscritto a Tocqueville ma non partecipo attivamente alle sue dinamiche interne. Sono un cittadino non-impegnato.

Non credo che i Marines concorderebbero con la tua visione di "vittime", ma la ragione principale del mio articolo é fornire una traduzione completa ed accurata (al meglio delle mie conoscenze) della famigerata canzoncina, cosí che ognuno possa farsi la sua opinione. Sai come si dice, ognuno puó avere la sua opinione personale, ma non i suoi fatti personali.

 

Ciao, ho linkato il tuo post, grazie ancora per la spiegazione.
:)

Elly

 

metto anche io il tuo link
 
Post a Comment

This page is powered by Blogger. Isn't yours?