<$BlogRSDUrl$>

September 30, 2006

Enter Hybernation Mode 

A few more hours to gain a little sleep, and leave the room in decent conditions, and then I'm out.

Stay tuned and see you later.

Italianversion, out.

Comments (0)

September 28, 2006

Servizi Offronsi 

Anche se al mio ritorno in Italia sarò piuttosto occupato col completare la mia tesi, voglio farvi sapere che sono disponibile per:

- Brevi traduzioni italiano-inglese ed inglese-italiano
- Correzione e controllo di manoscritti tecnici, scientifici e divulgativi
- Consulenza tecnico-scientifica in generale

Le tariffe saranno modiche, trattabili ed a contratto più che su base fissa; le modalità di pagamento da precisare. Voglio solo arrotondare un po', non certo farlo diventare il mio lavoro...

In coda, complimenti a Mastella per dire le cose come stanno a proposito della finanziaria, e per avere una posizione chiara e decisa. Invece i Verdi ed il loro "ambiente trascurato" possono attaccarsi e tirare.

Comments (1)

September 27, 2006

Modelling Traps 

A serious problem with the climate change - or AGW - research is that it relieas very heavily on mathematical climate models. Even studies aimed at disproving the hypothesis often do it.

Now, mathematical modelling is usaed routinely in a number of different fields; so why is it a problem for climate research? The problem is testing these models.

In the field I'm familiar with - chemical engineering - models are used to design, study and optimize chemical reactors and other units like distillation columns.

These models employ several equations to describe all the phenomena occurring in the specific piece of equipment, and work on user-introduced data to provide the required output - for example, composition of the reactor effluent.

Testing these models is not exactly trivial, but it is amply feasible both as a matter of cost and complexity (for an university or corporation); moreover, there are plenty of conned and bribed students willing and eager to do the research work. Experimental conditions are set and mantained within narrow limits, and the performance of the unit observed closely.

For example, the conditions to set for a chemical reactor are its dimensions and geometry; amount and type of catalyst; temperature and pressure; feed flowrate and composition (not all of them all the times, tho). What is measured generally is effluent composition, but also temperature profiles in the catalyst bed are of interest. How the reactor responds to a change in experimental conditions is most interesting; the parameters of interest are then varied one at a time to study its effect.

If what is observed in reality differs from what the model predicts (within error limits), it means that something is amiss. Assuming that no mistakes have been made (and assumption that isn't so automatic), a discrepance from reality means that either the model is not applicable in certain conditions, or it is completely wrong.

If a model gives results that are only slightly in disagreement with reality... well, that's a more difficult situation. Usually the model is still employed until something better comes out, and with the warning that predictions may be unreliable.


It should be obvious that climate models cannot be tested in a controlled environment. We cannot take a terracompatible planet, endorse it with a vast array of sensors and measurement equipment, record a suitable baseline and then start fiddling around with its atmosphere (and its star, too) to see what exactly happens to the planetary climate.

The only thing that can be done with climate model is to verify how well they reproduce past climate (and hope they will worke the same in the future; extrapolation is justly regarded as a last ditch technique). Now, we're not even sure of what datasets and what data treatment are the most appropriate for past climate; when the result of models are confronted with, for example, smoothed temperature records there are always are discrepancies. The models are sometimes early, sometimes late; they generally reproduce the main features of the curve, but often miss small ones.

Where does all this leave us, then? It leaves us with a lot of uncertainty.

A certain warming has been observed, but even what part of this warming is true, and what parts are due to variations in land use (the famous urban heat-island effect) and data treatment artifacts, is still largely unknown. And even the true warming can be ascribed to different factors, of which anthropogenic greenhouse gases are only one (personally, I am convinced that there is some contribution from them, anyway).

When it comes to predicting future climate, I think that no models are reliable enough to justify taking action - especially when action is a strongly ideologized treaty such as Kyoto. I think that energy efficiency measures and "reducing carbon footprint" should be taken only if they make economical sense overall (knowing that the tragedy of the commons, the prisoner's dilemma and market failures are still there...) and not just because it seems well and good to do so.

Comments (0)

September 26, 2006

Appelli Vari 

Monsoreau aderisce all'appello "In Difesa dell'Italia", che provvedo a ripubblicare per intero:

APPELLO IN DIFESA D'ITALIA


Il governo Prodi si appresta a cambiare la legge sulla cittadinanza e ad allontanare definitivamente l'Italia dai principi giuridici e di senso comune su cui si è per secoli fondata.
Secondo questo disegno di legge, gli immigrati accederebbero alla cittadinanza italiana dopo 5 anni di residenza invece dei 10 attuali e i figli degli immigrati saranno, ipso facto, italiani se nati in territorio italiano.
Questi cambiamenti avranno un effetto immediato sulla fisionomia nazionale, creando una popolazione di 4-5 milioni di "nuovi italiani" nei prossimi cinque anni.
Contemporaneamente la vera popolazione italiana, in virtù del suo calo demografico, si appresta a ridursi drammaticamente.
La cultura italiana e Cattolica, che ha illuminato il mondo per secoli, non potrà che cedere il passo ad una nuova mescolanza di etnie, culture e religioni lontane e differenti dalla nostra, pregiudicando progressivamente l'identità nazionale.
Non possiamo infine dimenticare il giovamento elettorale per i partiti promotori dell'iniziativa che vedranno aumentare i "consensi" da parte di questo nuovo "proletariato".
Contemporaneamente sarà fortissima la spinta all'immigrazione che proveranno le popolazioni del Terzo Mondo sradicate e impoverite dalle politiche della globalizzazione.
Pertanto i sottoscrittori promuovono la formazione di Comitati Civili di Difesa Nazionale al fine di respingere questo disegno di legge e qualora fosse necessario, di promuovere un referendum per l'abrogazione di un provvedimento che costituisce un formidabile attentato alla nazione.
PER ADERIRE ALL'APPELLO E CONTRIBUIRE ALLA DIFESA NAZIONALE
CHIAMARE I NUMERI 338/9055503 06/35403870 OPPURE
SCRIVERE A difesanazionale@libero.it
Non sono d'accordo su un paio di punti dell'appello: la cultura italiana é si di matrice cattolica, ma per me il momento determinante dell'Occidente é stato quando l'Illuminismo ha per cosí dire messo la religione al suo posto. Inoltre, non mi sembra che "le popolazioni del Terzo Mondo" siano tanto "sradicate e impoverite dalle politiche della globalizzazione"; anzi, in genere chi entra nel mercato globale ne guadagna - al prezzo di un certo grado di contaminazione culturale, comunque.

Sulla stessa vena, Lo Pseudosauro ci invita ad un po' di azione diretta (ma pacifica, beninteso), al di lá degli schieramenti politici e partitici per riprendere il controllo delle nostre cittá contro il degrado che avanza.

E per ultimo, ma non meno importante, il caporalmaggiore Giorgio Langella, del Secondo Reggimento Alpini di Cuneo, é stato ucciso in un attacco dei Talebani contro un convoglio militare italiano nei pressi di Kabul.
Il suo sacrificio, per la libertá contro un nemico vile e crudele, non sará dimenticato. Un nemico che non ha esitato ad uccidere anche un bambino afghano pur di colpire i nostri militari.
L'ordigno comandato a distanza ha anche ferito seriamente il maresciallo Francesco Cirmi ed il caporalmaggiore Vincenzo Cardella.

Comments (3)

September 25, 2006

Ibernazione 

The Italian Version sta per andare in ibernazione. Sforneró forse un articolo corposo prima di sospendere l'attivitá. Sono un po' a corto di idee, ma il motivo principale é molto pratico: sto per tornare in Italia, dove dovró trasferirmi in un nuovo appartamento, procurarmi un nuovo computer ed una connessione internet come si deve.

Non so dire esattamente quanto ci vorrá, diciamo un paio di settimane. Ed al mio ritorno in linea ci potrebbero essere importanti novitá - se mi gira...


The Italian Version is about to hybernate. I'm a bit burnt out, but the main reason is that I'm going back to Italy, where I'll move into a new flat, and I'll have to get a new computer and Internet connection. So, I'll be out for a couple of weeks - and maybe there will be some important changes when I'll be back online.

Comments (2)

September 23, 2006

Anime + Geekdom 

Or, how not to have girls flocking towards you.

The other day I bought the boxed set of Hellsing, and I can say I really enjoyed it. It's not a masterpiece or a thought-provoking work, but it's good entartainment.

It has loads of fights, violence, blood (can't have vampires without blood, can you?), a protagonist who's as cool as vampirely possible and who shoots twin .454 Casull semiauto, and some truly nasty villains. A special mention goes to the co-protagonist: she's a cute girls with abundant boobs, always clad in very tight blouse, extremely short skirt and stockings - I've never seen that outfit in anime, really.

The biggest complain is Hellsing's animation: it is at times lousy and lazy; I've never seen a job like that since Evangelion. This anime deserved better.


I need a new computer. I surely can't take my office machine home; my laptop is five years old and getting obsolete; the P200 I have at home would fit better in a museum now.

So I need some new computing power, especially to finish my thesis. I'm no gamer, so I do not require cutting edge technology and preposterous graphics cards. I do lot of multitasking with Office and the like, so RAM is what I need. A probably a dual-core CPU. DDR doesn't exactly come for free tho, darn.

For watching DVD and listening music I have dedicated devices, so I don't need a super soundcard either.

And realibility. Recently I had some bad experiences with failing hard drives, so I won't accept anything less than a motherboard with SATA RAID controller; I'll install two sizable (120 GB or so) drives and make them work in mirror mode. And probably another big, inexpensive ATA drive for less important stuff. I love the concept used by ASUS of heat pipes to cool the chipset.

I won't waste time with stuff like case mods, but I'll ensure good ventilation of the whole thing.

Then what else... DVD writer, a 17" minimum LCD monitor and a Logitech optical mouse because I used Logitech and it's the best. Maybe a trackball if I feel fanciful. I'd like to have an A3 format printer, but I'm afraid it would run out of budget...

Finally, a serious DSL modem with LAN capability - I may just rent it from the DSL provider tho. And wired network: wi-fi has some security issues I don't like.

And now, geeks, fire away with your phasers!

Comments (2)

September 21, 2006

Autumn 

Today's Semptember 21, the day of autumnal equinox (actually this year it falls on the 23rd, but don't bug me). From now on, the days will be shorter than nights going towards the gloom of winter.

The summer has ended and autumn begins; you can feel it in the air, in the sun rays which are still warm but more and more slanted, in the cold air of the morning, in the trees getting ready for their sleep.

It's also a time of melancholy for me. Especially now, that the weather is still fine. I'm not sad, but more... reflexive maybe. It's the kind of melancholy I'd love to share with a like-minded girl; things like kissing at sunset on the edge of a cliff... ah well.

However, astronomy is not the only reason. In a few days I'll finally leave London. Yeas, after nearly four years living here, it's time to go. My project is finished and there is very little left to keep me here. In fact, I've grown weary of the metropolis, of its degrading society; what I need now is the quiet of the countryside, and the relative quiet of a small town.

In these years living on my own I've learnt many things, about myself, life and the world. And maybe even about women. But now my spirit tells me it's time to head home. I won't be able to go back to live with my family; I couldn't stand it. But this problem has been solved.

What will come afterwards, I don't know. I'll need some time to shake off all the stress, and then... maybe across the Atlantic, to the Land of the Free?

Comments (0)

Un Lettore Scrive 

Un complottista é passato da queste parti ed ha lasciato un commento al mio post sull'11 Settembre nel quale mi invita a riconsiderare le mie posizioni sulla vicenda.

Io ho risposto, in maniera sí poco diplomatica, di attaccarsi e tirare. Questa é stata la replica, fedelmente riprodotta:
il fatto che lei insulti è sintomatico: lei non ha argomenti.

se deve arrabbiarsi o recriminare se la prenda con sé stesso e la sua pochezza.

tra l'altro la sua insipienza è manifesta: che cosa fa...? apre un blog e poi si
aspetta che tutti applaudano concordi?

se è per questo le consiglio di piazzare uno specchio davanti alla tastiera: se le dirà, se le canterà e si applaudirà da solo. Bene, bravo, bis.

se vuole discutere io sono qua, con solide argomentazioni. altro che coccio.

ma per lei è molto più comodo gridare e denunciare quello che non le va come "merda". come i bambini piccoli. "Tu sei cacca, se non fai come dico io non gioco più con te."

se le mie argomentazioni sono così scarse le controbatta con argomentazioni, non insulti.

mi scusi, ma... quanti anni ha? sono curioso di verificare se la sua età anagrafica corrisponde ai suoi comportamenti in sede di discussione argomentata.

cordialmente.

http://nixlist.blogspot.com
Link posted by Furio Detti : 21/9/06 06:29

Ora, come posso spiegare?

La mia decisione di maltrattare i complottisti ed evitare di discutere con loro non dipende da una scarsitá di argomenti, ma é razionale e deliberata. Non ho né il tempo né la voglia di argomentare, soprattutto sapendo che i miei avversari non devono fare altro che inventarsi un nuovo complotto per ricominciare tutto daccapo. E non me la menate con la democrazia e la libertá di espressione, perché il mio blog é il mio regno.

Soprattutto, ho le palle piene di quelli che se ne escono con una nuova ipotesi di complotto ogni settimana, e per questo si sentono intitolati a ricevere ogni volta una risposta delle dimensioni e profonditá di una tesi di laurea in chimica industriale.

Nel mio articolo precedente ho riportato una lista di collegamenti a siti che contengono una quantitá di materiale teso a confutare le ipotesi di complotto; i complottisti sono quindi caldamente invitati a fare un giro da quelle parti prima di commentare qui.

Per chi invece é alla prime armi, posso argomentare. Che la difesa aerea USA non fosse preparata ad affrontare l'emergenza del 9/11 é un dato di fatto. Resta da capire il perché.

Qualcuno pensa che sia la parte iniziale di un complotto di Bush ed Ebrei per Dominare il Mondo, ma questa ipotesi mi sembra molto fantasiosa. In realtá il fallimento risiede nella "cultura" degli organismi dedicati alla difesa aerea (la USAF ed Air National Guard, con il NORAD a contorno) ed il clima politico che si era instaurato dalla dissoluzione dell'Unione Sovietica.

Fina dall'inizio della Guerra Fredda, la difesa aerea americana ha avuto uno scopo primario: difendere gli USA da attacchi esterni - principalmente, bombardieri strategici russi (ed aerei spia in secondo luogo, secondo me). Il traffico interno é sempre stata una preoccupazione secondaria per la difesa aerea.

Dopo la caduta dell'URSS, il presidente Clinton (principalmente) commise un grave errore di valutazione: pensare che il mondo si fosse avviato verso un'era di pace. A seguito di questa valutazione, avvió un programma di ridimensionamento delle forse armate, che fra gli altri ebbe l'effetto di ridurre il numero di intercettori pronti al decollo a sette sole coppie (gli intercettori agiscono sempre in coppia) per tutti gli Stati Uniti continentali (CONUS). Se l'Alaska sia inclusa nel conteggio o no é irrilevante.

Dico pronti al decollo perché far decollare un intercettore non é come partire con la Punto dal piazzale di casa. I piloti devono indossare il loro equipaggiamento; l'aereo deve essere armato e rifornito; i controlli (takeoff checklist) devono essere completati; almeno un abbozzo di piano di volo deve essere tracciato per evitare incidenti con altro traffico aereo.

Una volta in volo, non é detto che gli intercettori possano raggiungere la loro velocitá massima; dipende dal numero e tipo di armi che portano, e principalmente dai serbatoi supplementari esterni - che servono a dare sufficiente autonomia.

Dal punto di vista procedurale, forse in certi casi il NORAD puó operare autonomamente, ma quando si tratta di traffico civile in genere deve essere la FAA a dare l'allarme e richiedere l'intervento militare. Inoltre, l'11/9 fino al secondo schianto al WTC tutti pensavano che si trattasse di "normali" dirottamenti per riscatto o richieste politiche.

Per finire, speculiamo un po' dal punto di vista politico. La possibilitá di usare aerei civili dirottati come missili era stata giá considerata da almeno un romanziere (Tom Clancy) ed anche valutata in sede militare, sembra. Ma sempre come ipotesi piú che rischio reale. Se si dovessero prendere provvedimenti per fronteggiare ogni rischio di catastrofe o terrorismo immaginato dagli scrittori, non si farebbe altro al mondo...

Se Bush avesse avviato un programma di potenziamento della difesa aerea rivolto a fronteggiare questo tipo di rischio, sarebbe stato accusato di sprecare soldi per qualcosa di inutile. Sarebbe anche stato accusato di spaventare la popolazione per tenerla sotto controllo (questo é avvenuto anche dopo il 9/11, figuratevi prima), e probabilmente di essere un bastardo pronto ad uccidere americani innocenti invece che "dialogare" con i dirottatori.

Arrestare Atta e la sua banda di jihadisti? Ve lo immaginate il vespaio che sarebbe scoppiato se diciannove persone fossero state arrestate solo perché arabi che frequentavano scuole di volo? Probabilmente il piano sarebbe stato sgominato (fino alla prossima volta), ma ad un prezzo politico enorme.

E' curioso, ma raramente quelli che criticano i fallimenti americani che hanno portato all'11 Settembre forniscono alternative fattibili.

Comments (2)

September 20, 2006

Piccola Galleria degli Orrori 

E' un tardo pomeriggio; ho raccolto un po' di dati in un paio di grafici accattivanti e fatto un paio di analisi di regressione, quindi passo qualche minuto a leggere il Corriere. Un articolo che inizia con una foto della Bellucci non puó finire male, penso. Ed invece, quello che ci trovo é orribile e raccapricciante.
(Il ministro, NdA) Amato, che proprio ieri bacchettava Rai e Mediaset, sostenendo che nei serial televisivi non c'è mai «un medico senegalese che curi un italiano»: «La Rai ha anticipato la richiesta del ministro, e cioè di fiction che rispecchino e aiutino il processo di integrazione degli immigrati.
Ovvero, propaganda multiculturale e buonista sulla TV di stato. Tra l'altro, giá qualche anno fa mio padre é stato curato da un ottimo chirurgo, che casualmente é nero. Ma il tormento non finisce qui:
E, a proposito di medici, sono appena iniziate le riprese della nuova serie di "Un medico in famiglia", dove sarà protagonista una dottoressa indiana, impersonata dall'attrice Shivani Ghai, che in una Asl italiana lavora come omeopata e apre un consultorio all'avanguardia per immigrati, di quelli che già esistono in altre nazioni europee.
Adesso l'omeopatia é diventata una disciplina ufficiale? E sará un consultorio come quelli che ne so, britannici, dove i pazienti non parlano una parola d'inglese e non hanno bisogno di integrarsi perché trovano opuscoli eccetera in tutte le lingue del mondo (tranne l'italiano, naturalmente...) e sono a contatto con personale della loro stessa etnia? Comunque, sia chiaro che non ho nulla di personale contro questa donna. E Saccá rincara la dose:
Piuttosto — aggiunge polemico Saccà — chi chiede alla Rai di svolgere compiti sempre più impegnativi nei contenuti, pensi ad aumentare il canone, fermo da due anni: ovviamente non mi riferisco al ministro dell'Interno, ma al governo di cui fa parte sì»
Propaganda buonista con i soldi estorti ai cittadini, cioé. Il peggio arriva alla fine peró.
L'impegno di Raifiction si manifesta anche su altre tematiche. È allo studio un progetto sulla tragica vicenda di Hina, la giovane pachistana uccisa dal padre nel bresciano perché troppo «occidentalizzata» e per di più innamorata di un italiano: «Stiamo iniziando a scrivere la sceneggiatura — anticipa Saccà — È una storia difficile di femminilità negata. Bisogna affrontarla con misura, ci vogliono gli sceneggiatori adatti. Non vogliamo tacere nulla: nessuno di noi dimentica che in Italia, fino a 40 anni fa, c'era il delitto d'onore»
Aaaargh! Dovrei sfogare la mia rabbia con un'ascia su un tronco di legna, o con una pistola su una sagoma! Cinquanta colpi per lo meno.

Si, é una storia di femminilitá negata barbarismo peggio che medievale da parte di una FAMIGLIA MUSSULMANA. E' stato un crimine ISLAMICO, non generalmente sessista.

Per inciso, la provvisione del delitto d'onore che era presente nel codice penale italiano recita cosí:
Chiunque cagiona la morte del coniuge, della figlia o della sorella, nell'atto in cui ne scopre la illegittima relazione carnale e nello stato d'ira determinato dall'offesa recata all'onor suo o della famiglia, è punito con la reclusione da tre a sette anni. Alla stessa pena soggiace chi, nelle dette circostanze, cagiona la morte della persona che sia in illegittima relazione carnale col coniuge, con la figlia o con la sorella.
Ovvero, riconosce attenuanti per chi commetta omicidio in certe situazioni specifiche - in particolare, il cogliere in flagranza.

Ora, questa norma era arretrata ed é stato un bene che sia stata eliminata, ma siamo comunque ad anni luce di distanza dalla barbarie islamo-tribale che é cosí comune in troppi paesi, ed anche fra gli immigrati da quelle zone.

Non pagare il canone RAI sará illegale, ma non é di certo immorale. Anzi, sarebbe pienamente giustificato di fronte a questo scempio.

Comments (2)

September 19, 2006

Radunando i Miei Pensieri 

Dovrei scrivere qualcosa di acuto e provocante, o almeno illustrativo di veritá scientifiche fonadamentali ma ignote ai piú.

Ma invece l'unico pensiero che riesco ad esprimere é che vorrei deportare Kate Moss e Pete Doherty in Antartide. Ad almeno cento kilometri dal primo insediamento. In pieno inverno.

Ma non sono un barbaro jihadista: lascerei loro alcuni generi di prima necessitá. Un chilo di cocaina, ed un litro di soluzione di eroina cloridrato.

Comments (0)

September 17, 2006

Effetti dei Proiettili 2 

Per prima cosa, un'errata corrige: si scrive cartucce, non cartuccie. Avró imparato l'inglese, ma mi sono dimenticato certi fini dettagli dell'italiano.
La gittata dei proiettili da pistola nei piú comuni calibri (9mm/.38/.357, 10mm/.40 e .45) é di 1000 - 2000 m, piú di quanto avevo stimato inizialmente.
La pressione massima al momento dello sparo supera anche i 3000 bar nelle armi ad alte prestazioni.


Un soggetto di grandi discussioni nel mondo armiero é quello del potere d'arresto (PA) - ovvero della capacitá di un colpo di fermare in modo pressoché istantaneo una persona (o un'animale in caso di caccia). La letalitá invece é la capacitá di uccidere in genere, anche a distanza di tempo. Ma in situazioni di legittima difesa, la morte ritardata dell'aggressore é inutile (ci sono poi diverse scuole di pensiero sulla preferibilitá di lasciare un aggressore in vita, ma non voglio parlare di questo ora).

Potere d'arresto e letalitá sono comunque grandezze correlate ed aumentano con l'aumentare di energia cinetica e quantitá di moto di un un proiettile. Qui si puó trovare una tabella del "potere di mettere fuori combattimento" secondo Taylor - tenendo presente che questa tabella é compilata per i calibri da fucile, usando le dannate unitá anglosassoni, e riferita principalmente agli effetti su animali selvatici.

Un parametro importante é la densitá sezionale (DS) del proiettile, ovvero la sua massa diviso l'area della sezione del proiettile (certi autori usano soltanto il raggio al quadrato). In unitá SI - che peró sono le meno popolari in balistica - la densitá sezionale sarebbe kg/m2. Maggiore é la DS, maggiore la capacitá di penetrazione di un proiettile. Questo concetto viene portato all'estremo dai proiettili anticarro ad energia cinetica e dalle bombe "bunker buster".

Gli effetti di un proiettile sul bersaglio dipendono dalla quantitá di energia che il proiettile gli trasferisce, ma anche dall sua capacitá di penetrazione. Proiettili di piccolo diametro ad alta velocitá hanno grande penetrazione e generalmente un potere d'arresto limitato visto che tendono ad attraversare il corpo cedendo poca energia. D'altra parte, palle progettate specificamente si frammentano se colpiscono al di sopra di una certa velocitá e cosí producono ferite piú estese ed incapacitanti.

Proiettili con una densitá sezionale minore, a velocitá intermedia invece hanno scarsa penetrazione ridotta e massimizzano il potere d'arresto. Questo é il caso del calibro .45 ACP (ed analoghi): l'energia cinetica di tali proiettili non é piú alta di un 9x21, ma la maggiore massa li rende particolarmente efficaci. In effetti, la munizione .45 ACP e la venerabile pistola M1911, sono state sviluppate per esigenze militari: fermare i fanatici mussulmani Moros delle Filippine, che dimostravano una resistenza quasi sovrumana.

I proiettili espansivi - a punta molle (JSP) o punta cava (JHP, SJHP) - sono stati inventati per espandersi all'impatto e quindi massimizzare il trasferimento di energia. Anche i proiettili in piombo nudo funzionano in questo senso, ma la scarsa durezza del piombo limita la pressione massima e quindi la velocitá iniziale che si puó ottenere. In Italia, la legge consente solo l'uso di proiettili incamiciati per difesa personale; i tipi a punta piatta (FMJFN, FMJFP) o tronco-conici (FMJTC) hanno maggiore PA dei normali proiettili a punta tonda.

Comunque, sia PA che letalitá di un qualsiasi proiettile dipendono dal suo piazzamento: un .22 in un polmone é piú debilitante di un 9mm in un braccio, ed entrambe lo sono piú di un .45 padellato (ovvero, che manca il bersaglio). Molto dipende anche dallo stato psicofisico di chi viene colpito: persone sotto l'effetto di adrenalina (vedi i Moros sopra) o droghe sono piú resistenti al dolore ed allo shock - mentre persone giá spaventate od incerte hanno scarsa resistenza. La stazza fisica di una persona invece non ha un ruolo determinante; non stiamo parlando di bufali da 500 kg e passa.

Aggiornamento: Molte prove amatoriali ma significative di armi e munizioni contro oggetti di diverso tipo si trovano su The Box O'Truth; le prove ufficiali invece si fanno usando blocchi di apposita gelatina balistica. Ci sono molte gallerie fotografiche di test balistici disponibili su Internet usando frasi di ricerca come "ballistic test" o "ballistic gelatin"; gli effetti di alcune munizioni calibro 12 si trovano qui, per esempio. Non bisogna dimenticare che per uno stesso calibro si trovano in commercio proiettili di peso diverso con diverse prestazioni; il peso dei proiettili si esprime generalmente in grani (gr.), dove un grano é circa 68 mg. Per esempio, le munizioni 10mm Auto sono caricate in genere con proiettili da 180 gr. (12.2 g) o 200 gr. (13.6 g).

In un campo diverso, ho aggiunto il blogroll de Il Castello alla mia barra laterale, come richiesto dalle loro condizioni d'uso. Non mi piace avere una barra chilometrica, ma tant'é.

Comments (0)

September 15, 2006

She's Gone 

Well, now most of the conservative/rightwing/whatever folks know that Oriana Fallaci died.

I have to admit, I've never been a huge fan of her.

Oh yes, I agree with her broad point: Western civilization is a good, great thing, better than most other cultures and worth defending. And to hell with political correctness and multiculturalism.

I also think that western civilization indeed has Judeo-Christian roots, but in my opinion the Enlightenment was the real watershed moment for the modern world.

And I appreciated her brave standing up, not backing down in front of scorn and threats.

What I did not like of Oriana Fallaci was her style: I've read one or two of her columns, and could barely stand it. It's not a personal thing; I prefer a plain, expository style to an inflamed tirade.

However, the biggest issue I have with Fallaci is that lately she was caught in the apocalyptic view as well, and this fine Italian blogger reports. I have said more than once that apocalyptic views truly creep me out, because they imply a huge battle and enormous bloodshed to get through to a future in which only the chosen ones will have place. These views are dangerous because the lead to see mega-death as inevitable or even necessary and beneficial. Well, thank you very much, but I prefer to avoid that as long as it's possible.

So yes, I will remember Oriana Fallaci for her outspoken courage and what was good in her, but I won't forget this dark side of hers.

In a different but related development, blogger Isaac Schrodinger is at risk of being denied refugee status in Canada and being sent back to that lovely place Pakistan, where his views would make his life utterly uncomfortable to say the very least. Actually, by Pakistani law he could be sentenced to death. For abandoning and criticizing Islam, get it?

Comments (1)

September 14, 2006

Yes, I'm Here Still 

I have not forgotton (now I realize this typo is pretty ironic...) my English.
It's just that I did not have any message of fundamental importance to deliver to the wide world in this language.

The only story that somewhat piqued my interest is the psucho who shot up a bunch of students in Montreal.

Despite what some - I think - ardently desired, this was no Muslim. He happened to be a metal-goth in fact. A nihilist sociopath with violence and death fantasies, that one day became reality.

A pic in his online gallery shows a Metallica poster. Great, prepare to see some other idiot blaming guns & metal for this massacre.

Despite my frequentations, I don't know many goths. I don't really think that all of them are psychos, but usually goths (and darks) aren't the funniest chaps around. Thrashers and death metallers are much more pleasant to be with. Nu-metallers are a mixed bag, but in my experience they tend to be stupid kids with a lot of attitude and very little knowledge of music.

Of course, if you prefer classic jazz, latin-american dance or chart pop, the above paragraph probably won't make much sense.

Comments (0)

September 12, 2006

Ancora Giornalismo Scadente 

Titola il Corriere: Gli uragani sono arrabbiati con l’uomo.

Giá questo incipit che attribuisce emozioni ed intenzioni umane a fenomeni naturali non ispira fiducia. Ed andando avanti, é pure peggio:
Ancora una volta l’uomo si trova a fronteggiare la natura e, inesorabilmente, perde. Quest’ultima, con la sua forza superiore a qualsiasi tecnologia, si ribella alle violenze umane e si vendica. Secondo lo studio del Professor Benjamin D. Santer (del Lawrence Livermore National Laboratory) a insorgere contro l’uomo sono gli uragani, «stufi» dell’inquinamento derivato dalle maggiori concentrazioni di anidride carbonica (uno dei principali fattori che contribuiscono al surriscaldamento dell’atmosfera). Il riscaldamento causato dall’emissione galoppante di gas serra regalerebbe maggior vigore agli uragani, rendendoli più intensi in generale e più frequenti nell’Atlantico del nord.
Ma chi ha scritto queste atrocitá? C'é qualcuno al Corriere che sa almeno tradurre letteralmente il riassunto dell'articolo che recita:
Previous research has identified links between changes in sea surface temperature (SST) and hurricane intensity. We use climate models to study the possible causes of SST changes in Atlantic and Pacific tropical cyclogenesis regions. The observed SST increases in these regions range from 0.32°C to 0.67°C over the 20th century. The 22 climate models examined here suggest that century-timescale SST changes of this magnitude cannot be explained solely by unforced variability of the climate system. We employ model simulations of natural internal variability to make probabilistic estimates of the contribution of external forcing to observed SST changes. For the period 1906-2005, we find an 84% chance that external forcing explains at least 67% of observed SST increases in the two tropical cyclogenesis regions. Model "20th-century" simulations, with external forcing by combined anthropogenic and natural factors, are generally capable of replicating observed SST increases. In experiments in which forcing factors are varied individually rather than jointly, human-caused changes in greenhouse gases are the main driver of the 20th-century SST increases in both tropical cyclogenesis regions.
Tradotto riassumendo:
L'uso di modelli climatici suggerisce che i cambiamenti della temperatura superficiale oceanica (SST, da +0.32 a +0.67 C) non possono essere spiegati soltanto dalla variabilitá naturale. Abbiamo trovato una probabilitá dell'84% che almeno il 67% delle variazioni di temperatura osservate siano causate dal "forzamento esterno" (ovvero, l'emissione di gas serra, NdA). Negli esperimenti in cui i fattori di forzamento vengono variati individualmente invece che congiuntamente, i cambiamente dei gas serra di provenienza umana sono i principali responsabili dell'aumento della temperatura superficiale oceanica in entrambe le regioni ciclogenetiche.
E l'articolo intero si conclude con:
Hurricanes are complex phenomena. Although changes in ocean surface temperatures may be a key influence on hurricane intensity, SSTs are only one of a variety of factors that control hurricane formation and evolution. Detailed analyses of changes in other large-scale conditions that affect tropical cyclogenesis (such as wind shear and vertical stability) are required to obtain a more complete understanding of how hurricane activity has changed and may continue to change in a warming world. Our research illustrates that models can be of considerable benefit in understanding the causes of such changes.
In sostanza, qui si afferma che i modelli possono essere di considerevole aiuto, ma gli uragani sono fenomeni complessi dei quali non sappiamo ancora abbastanza per capire come la loro attivitá sia cambiata e come si evolverá in futuro.

Secondo il mio modesto parere, questo articolo dimostra ben poco. Quello che fa é avanzare un'ipotesi sostenuta da non molti dati sperimentali ma parecchio lavoro di modellazione. Inoltre, l'articolo spende ben poche parole riguardo l'intensitá degli uragani (e tifoni), ma si concentra sulla questione delle SST. Poi si potrebbe discutere sulla bontá dei metodi utilizzati dagli autori per elaborare i dati a fare le previsioni, ma questo spetta a persone piú competenti di me. Quello che voglio far notare, peró, é che i modelli climatici non sono particolarmente affidabili, come é noto da diverso tempo.

Ma questa storia non fa altro che confermare lo stato pietoso della divulgazione scientifica al di fuori delle poche riviste specializzate - che peró sembrano spesso prendere il riscaldamento globale antropogenico (piú noto con l'acronimo inglese AGW) a scatola chiusa.

Comments (1)

September 09, 2006

11 Settembre, Anno Quinto 

Fra un paio di giorni sará il quinto anniversario del 9/11. Ci sará chi meglio di me commemorerá le vittime, perché la mia missione ora é diversa.

Come ogni anno, in questo periodo i complottisti riprendono vigore e ci sommergono di strampalate teorie del complotto sull'11 Settembre.

Bisogna contrastarli, non lasciare che queste bugie ed interpretazioni infondate si spargano come virus senza essere confrontate.

Ecco quindi una serie di articoli e siti dedicati proprio a stabilire la veritá sul 9/11 contro gli attacchi complottisti:

- Robinik fa una mini raccolta di suo.

- Aribandus ha dedicato molti articoli all'11 Settembre.

- Bisquí esamina il crollo delle Torri Gemelle.

- Paolo Attivissimo, a parte il suo sito personale, collabora con il blog di gruppo Undicisettembre, che é interamente dedicato a smontare le ipotesi di complotto.

- Crono 911 propone una notevole mole di materiale.

Buona lettura, e non lasciate che chi sostiene le cose piú folli sull'11 Settembre prenda il sopravvento. Per chi quel giorno ha perso la vita, la salute od i suoi cari, e soprattutto per la Veritá.

Nota tecnica: Il meccanismo delle crollo delle Torri Gemelle é una delle questioni meno comprese. Non c'é stata alcuna fusione dell'acciaio della struttura, e nemmeno il cedimento é partito dal nucleo delle Torri. Sono stati i solai quelli che hanno risentito di piú del calore degli incendi: in parte sono crollati, ed in parte si sono incurvati tirando verso l'interno le colonne perimetrali giá danneggiate dall'impatto.

Quando una colonna é caricata di punta ed anche lateralmente si ha una situazione in cui oltre un certo limite di carico (laterale, specialmente) la colonna cede improvvisamente. Lo 11/9 questocedimento ha significato la caduta di migliaia di tonnellate di struttura sul piano/piani sottostante, che non essendo certo progettato per sopportare tale sollecitazione, ha ceduto a sua volta schiacciandosi ed incrementando la massa cadente.

E' impossibile peró conoscere i dettagli del crollo dopo i primi pochi secondi a causa dell'enorme nube di polvere e fumo che ha oscurato le Torri. Quello che si sa é che una guglia del nucleo (non so di quale Torre) centrale é rimasta in piedi per un breve tempo dopo che il resto della struttura era crollato.

Comments (5)

September 08, 2006

Che Giorno é Oggi 

Temo che molti dei piú giovano non lo sappiano.

Oggi é l'8 Settembre, un giorno di infamia per l'Italia.

Quando il Re e lo Stato Maggiore, nel 1943, hanno accettato l'armistizio con gli Alleati.
Che c'é di male nel fare la pace rompendo l'alleanza con un bastardo come Hitler? C'é che la cosa é stata fatta da vigliacchi, e dilettanti. Gli alti papaveri sono scappati al sicuro lasciando l'esercito italiano e tutto il popolo in balia dei tedeschi, che se prima erano spietati dopo hanno preso a considerarci come vermi traditori. E non del tutto a torto.

Una maledizione su di loro, vili e patetici.


Sará questo clima, la ma blogosfera italiana (almeno la parte che io frequento) mi sembra un po' in crisi. Wellington ha chiuso bottega senza spiegarne il motivo; Grendel ed Astrolabio scrivono sporadicamente e Tocqueville non é piú quella di una volta, persa fra guerre di religione. Mah.

Aggiornamento 09/9: Non ci lasciano nemmeno chiavare in pace, ormai.

Comments (1)

September 05, 2006

Smelling a Rat 

Yesterday I blasted a few European countries for allegedly denying landing rights to El Al flights carrying military material to Israel.

Now the reply arrives: Europe denies barring El Al landings.
From the statements reported in there, it appears that (except for Portugal) landing authorization may be denied on the basis of risks associated with the nature of the cargo - munitions are indeed more dangerous than other materials.

Yes, a country truly friend of Israel may conceivably turn a blind eye onto something, but following procedures is way different from the usual accusations of being rabid anti-semites and dhimmi in need of a nuclear spanking levelled at Europe by the usual suspects.

The Jerusalem Post also sheds light on an interesting angle to the story: in August, the Israeli Ministry of Finance signed an agreement with Alitalia, giving Israeli government workers discounts and special benefits. This move hit El Al financially and enraged its pilots.

Yes, I smell a rat. A big fat one: an El Al high ranking officer tarring Europe and feeding the fires only for the interest of his own company.

And Haaretz doing a poor job... but I'm not really surprised of journalists screwing up anymore.

Comments (0)

September 04, 2006

Clowns on the World Stage 

Haaretz says:
A number of European states are refusing to allow El Al cargo planes carrying Israel Defense Forces equipment from stopover landings in their airports.

The refusal came from states considered friendly with Israel, including Britain, Germany and Italy, according to Captain Etai Regev, the chairman of El Al's pilots' union.
Once again, Europe at its most stupid and vile. Stupid, because this isn't going to make a lot of difference in the long term: Israel only needs more flights, or can transport her ammo by ship.
Denying landing rights is as stupid as the lefty ticks blocking military trains during the preparation for Operation Iraqi Freedom: it didn't really change anything. That behaviour is already intolerable from libtards, and absolutely pathetic from governments.

Vile, because trying to hamper Israel's self-defense efforts against the jihadis is indeed vile.

However, a caveat: this is the only source with this story, and I suspect there may be more than meets the eye. For example, regulations regarding air transport of explosives. I'd like to know the stated reasons for these refusals.

Tech notes: The word libtard appears green because if you mouse over it, you'll see an explanation of its meaning.

Update 05/09: a German reader (#295) left this comment to the Haaretz article:
The article omits a few important points. There is no political refuelling ban. The reasons why some (and not all) El Al cargo flights have been denied stopover and refuelling is because they refused to identify their cargo which authorities in Germany and other countries need to assess security risks.
The refuellings have taken place at public airports, sometimes close to passenger areas. The stopover country has a right to know about the cargo and conduct inspections to make sure that the right safety measures are taken. You don`t want a plane loaded with bombs and other explosives land close to passenger areas. The planes could safely land at U.S. bases, for example.
Well, this makes sense. And an apparently Israeli reader (#400) adds:
[Not sure this is true]Or the whole truth. Blair came in for a roasting over the passage of weapons to Israel DURING the last spat with Hizbollah. Islamistic pressure groups tried to force a trial on the matter but it fell at the very first post - the judge stating "there was no evidence of war crimes" and calling the case "hopeless".
Why would Britain halt flights now, when the storm has passed? Also there is no other report of this. My guess - and it is a guess - is that Mr Regev is trying to score some points against people who have national carriers which compete
with El Al.
It appears that Haaretz is doing a shoddy job of investigating the issue; instead it relies only on the statements of an El-Al pilot who can be suspected of having a vested interested.

And do yourself a favour: do not read the comments. It's worse than a bad thread on LGF; it's a clash of lefty idiots and right-wing troglodytes.

Comments (3)

September 01, 2006

Comportamento dei Proiettili 

Nel primo articolo di questa serie, ho descritto per sommi capi la meccanica delle armi da fuoco, e le condizioni necessarie per consentire lo sparo.

Quando lo sparo avviene, il proiettile lascia la bocca (o volata) della canna ad alta velocitá; 250 - 400 m/s per le pistole (i proiettili piú veloci di 340 m/s sono supersonici), possedendo una certa quantitá di moto ed energia cinetica.

Il proiettile si trova quindi soggetto a due forze che ne modificano la traiettoria: la gravitá che agisce verso il basso, e la resistenza dell'aria che ne riduce la velocitá. Questi effetti rendono la traiettoria del proiettile parabolica - piú precisamente balistica.

Mentre la forza di gravitá dipende solo dalla massa del proiettile, la resistenza dell'aria dipende dalle dimensioni e forma del proiettile, in modi che sono abbastanza difficili da descrivere analiticamente. Tanto che in genere si preferisce ricorrere a tabelle e relazioni empiriche.

In generale, proiettili piú veloci ed aereodinamici hanno una traiettoria meno curva nella parte iniziale, tanto che puó essere approssimata ad una linea retta con chiari vantaggi per il puntamento.

La gittata é la distanza massima che un proiettile puó percorrere prima di ritrovarsi a quota zero (ovvero al suolo) e quindi fermarsi. Non ho dati precisi per le mani, ma penso che un proiettile da pistola abbia una gittata di 100-500 m a seconda del calibro; a queste distanze l'energia cinetica del proiettile non é sufficiente a causare ferite gravi. D'altra parte, una palla calibro 12 da 28-30 g puó arrivare ad oltre 1 km di distanza con sufficiente energia da ferire gravemente se non uccidere.

Il tiro utile é la distanza massima alla quale si ha una ragionevole probabilitá di colpire ed abbattere il bersaglio. Dipende dalle caratteristiche di armi e munizioni, ma anche in gran parte dall'abilitá del tiratore. In generale un'arma lunga ha maggiore gittata di una corta, anche se per esempio i pallini di misura piccola hanno un tiro utile scarso sia pure sparati da un fucile.

A differenza di quello che si puó vedere in certi film, il tiro utile di una pistola arriva forse a 50 m (escludendo certi calibri di alta potenza), con l'arma adeguata ed un tiratore esperto. Il tiro utile dei fucili... 100 m si raggiungono con un 12 a palla; i cacciatori di camosci e stambecchi colpiscono le loro prede a 300 - 400 m usando fucili a canna rigata; infine i cecchini militari sanno uccidere fino a 900 metri di distanza - mi pare che un nemico sia stato ucciso a 1200 m usando un fucile .50, addirittura. Ma per ottenere questi risultati sono necessarie armi specializzate e tiratori estremamente abili.

Quando un proiettile colpisce il bersaglio, gli cede tutta o parte della sua energia cinetica causando danni di diverso tipo. Limitandosi agli animali ed uomini, un proiettile generalmente produce un foro nei tessuti, circondato da una zona nella quale i tessuti sono variamente danneggiati. Inoltre, un'onda di compressione si trasmette al di lá della zona danneggiata, e questa onda di compressione puó disturbare o interrompere il funzionamento di organi vitali.

Quanto letale é un colpo di pistola, allora? Un colpo di pistola, anche una minima .22 Flobert, a breve distanza in un punto vitale puó uccidere.

Ma questo é vero anche per un coltellata; anzi, recidere un vaso sanguigno principale é mortale senza discussioni. Ed é vero anche per altre armi proprie ed improprie: accette, cacciaviti, martelli ecc. La differenza principale sta nel raggio d'azione: con un pistola é facile colpire una persona da 10 metri di distanza, mentre con un coltello questo é quasi impossibile.

Come regola generale, un unico colpo di pistola é mortale (in tempi brevi, visto il rischio di infezioni e complicazioni) solo se colpisce un punto vitale. Per questo motivo, per essere sicuri di uccidere ci si addestra a sparare 2 o 3 colpi in rapida successione, o meglio ancora allo "schema Mozambico": due colpi al corpo ed uno alla testa.

Per fulminare un uomo con un solo colpo al tronco, bisogna andare su calibri esagerati: nemmeno il .308 Winchester (o 7.62 NATO, un comune munizionamento da fucile) con 3400 J e piú di energia alla bocca, é sufficiente. Per confronto, un proiettile 9x21mm arriva a malapena a 600 J (a 10 metri).

La conclusione é che le pistole non solo particolarmente piú letali delle armi da taglio od improprie; tuttavia sono letali a distanza maggiore. Inoltre, l'alta velocitá e la penetrazione dei proiettili rende pressoché schivare o parare il colpo.

Purtroppo, gran parte delle conoscenze popolari sulle armi da fuoco sembrano venire dai film d'azione che sono per lo meno inaccurati. Gli effetti dei proiettili sulle persone sono generalmente esagerati per effetto e la balistica viene piegata alle esigenze drammatiche se non stravolta.

I proiettili sono anche in grado di perforare spessori variabili di diversi materiali. Servono diversi centimetri di legno per fermare un calibro 9, che peró non puó penetrare in profonditá un muro di mattoni o cemento, e puó disintegrarsi contro una spessa lastra d'acciaio. Un fattore da notare é che, a differenza delle case italiane, la maggior parte di quelle americane hanno muri molto sottili fatti di cartongesso, legno o pannelli di plastica. Un colpo di pistola puó facilmente trapassare due o tre di questi muri, mentre verrá probabilmente fermato da un solo muro divisorio italiano.

La portiera di una macchina é costituita da due strati di lamiera d'acciaio da 0.5 mm, con qualche altro oggetto all'interno, e quindi non costituisce una buona copertura - soprattutto contro qualsiasi munizione da fucile. Sparando al corpo di un lucchetto con una pistola, non lo si apre; con un calibro 12 si, invece.

Un ottimo per fermare proiettili rimane comunque la buona vecchia sabbia.

Comments (2)

This page is powered by Blogger. Isn't yours?